you reporter

BERGANTINO

Le giostre polesane a Mosca

Il sindaco della città russa Sobjanin intenzionato a comprare altre strutture in città

Le giostre polesane a Mosca

La vice ministro della Oblast di Mosca, in visita alla Lamborghini. E’ dei giorni scorsi la notizia che, dopo le prime 12 giostre a cavalli prodotte dall’azienda polesana, posizionate nelle principali piazze e vie della città di Mosca, il sindaco della città russa Sobjanin, ha dato disposizioni affinché vengano acquistate molte altre giostre dalla Lamborghini per abbellire tutti i quartieri più importanti e, cosa incredibile ma vera, ha chiesto al Governatore della Oblast di Mosca, il territorio definito come Regione di Mosca, di abbellire tutte le più importanti cittadine che ne fanno parte con le medesime giostre, che lui tanto ama, affinché tutte le famiglie e tutti i bambini del territorio e della Regione abbiano lo stesso dono. Proprio per questa ragione, lo scorso lunedì, una delegazione è giunta nel piccolo comune rivierasco, per visitare l’azienda.

Accolti dal sindaco di Bergantino Giannino Rizzati, dal titolare dell’azienda Luciano Lamborghini, dal vice sindaco Erica Losi e dalla consigliere comunale Lara Chiccoli, sono arrivati in polesine la Vice-Ministro Angela Aleksandrovna Pukhova, la sua assistente Larisa Viktorovna Borisenko e il resto della delegazione hanno fatto visita ai vari reparti dell’azienda altopolesana dimostrando grabde interesse per tutto il distretto della giostra, tanto che, hanno espresso il desiderio di visitare le principali aziende che collaborano con la Lamborghini Srl nei limiti del tempo che avevano a disposizione.

Le aziende visitate sono state: la ditta DB di Bolcato Gianni di Bergantino che si occupa della verniciatura delle giostre a cavalli, l’Elettrosystem sempre di Bergantino, dove vengono progettati e costruiti i quadri elettrici, la ditta AG sas di Melara, fornitore dei cavallini e dei plafoni in vetroresina e infine la ditta C.r.m. Srl di Calto dove vengono costruiti alcuni importanti manufatti di carpenteria delle giostre commissionate. “Dalla prossima settimana, a Mosca inizieranno gli incontri tra i nostri responsabili ed il Ministero della signora Pukhova per discutere nei modi e nei tempi le prime forniture di giostre cavalli alla Regione di Mosca – ci racconta la signora Floriana Mingotti, dirigente amministrativo e commerciale dell’azienda - Il resto ovviamente rimane riservato in quanto attiene agli accordi commerciali tra le parti”.

Il Ministero, infatti, deve ancora decidere quante giostre e di quali dimensioni acquistare entro il 2019 e di conseguenza il Ministro ed i suoi collaboratori non hanno ancora deciso il budget di spesa. La cosa certa è che il numero delle giostre che l’azienda polesana dovrà fornire nei prossimi due anni alle autorità russe ha quasi dell’incredibile. Una commessa di simili proporzioni e con queste caratteristiche non è mai esistita nella storia dei costruttori di giostre fin dagli albori dell’industria dello spettacolo viaggiante.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl