you reporter

Elezioni

Lega, sarà il giorno della Beltrame

Lega, sarà il giorno della Beltrame. Dopo una giornata caotica, sempre più vicina l’intesa tra Carroccio e azzurri. Cortellazzo (FI): “Gli accordi si fanno sui programmi, non sul monopoli delle persone”.

Lega, sarà il giorno della Beltrame

Perentorio altolà della segreteria nazionale (regionale, ndr) della Lega alla sezione adriese: il Carroccio intende a tutti i costi salvaguardare il patto di ferro con l’alleato storico Forza Italia. Oggi è previsto un ulteriore faccia a faccia tra i leader provinciali e regionali e quasi certamente si tratterà dell’ultimo incontro: quasi sicuramente si vedrà la fumata bianca che chiuderà il “caso” Adria.

La soluzione più probabile è quella di un asse tra Lega e Forza Italia, lasciando fuori la lista, ancora fantasma, ispirata da Sandra Passadore, che il Carroccio vorrebbe imbarcare nonostante abbia per ben tre volte sfiduciato la presidente della Casa di riposo. Ma il veto azzurro ha sbarrato la strada in maniera irrevocabile. Resta il nodo Federico Simoni: quasi certamente l’ex vicesindaco sarà in lista anche per dare un certo peso politico alla competizione. Lo stesso Simoni avrebbe già fatto sapere di non essere intenzionato a rientrare in giunta avendo allargato i propri obiettivi oltre i confini comunali. In serata, si spera, il quadro sarà chiarito una volta per tutte.

Intanto, è necessario tornare alla giornata di ieri, da psicodramma in casa leghista. Intorno alle 10 il segretario locale Giovanni Battista Zennaro convoca i giornalisti per una conferenza stampa senza specificare l’argomento, ma tutto lascia pensare che venga ufficializzata la candidatura a sindaco di Emanuela Beltrame e la squadra che la sosterrà. Intanto, in largo Mazzini la candidata con qualche militante è impegnata al gazebo a raccogliere le firme. Si respira una certa tensione e nessuno vuole parlare. Manca un quarto d’ora a mezzogiorno, ora prefissata per la conferenza stampa, e Zennaro comunica che l’incontro è saltato “per direttive arrivate dal nazionale”. E non aggiunge altro. Si parla di un’ora di fuoco sulla linea telefonica tra Adria e con il capo veneto Gianantonio Da Re alquanto irritato per i comportamenti della sezione adriese. Al punto che, confida qualcuno, sarebbe pronto il commissariamento della sezione in caso di ulteriori fughe in avanti.

Mediatore instancabile per arrivare a una soluzione è senza dubbio l’onorevole Piergiorgio Cortellazzo, commissario provinciale di Forza Italia. “Sulla conferenza stampa annunciata e sconvocata - si schernisce - non so niente, dovrebbe chiedere a quelli della Lega. Posso dire – aggiunge – che domani (oggi, ndr) mi incontrerò con Da Re e qualche altro e sicuramente troveremo la soluzione”.

C’è il veto della Lega adriese su Simoni?

“Tra persone che si rispettino, la lista di Forza Italia viene decisa da Forza Italia. Oltretutto la Lega ha imposto il nome della Beltrame senza valutare la possibilità di altre candidature che potessero compattare la squadra del centrodestra”. E ammonisce: “Voglio dire agli amici leghisti adriesi che noi vogliamo scendere in campo per vincere, non per partecipare”.

Dunque, lei è ottimista sull’accordo?

“L’accordo si fa su basi programmatiche, non sul monopoli delle persone: tra Forza Italia e Lega c’è una visione condivisa dei problemi e delle soluzioni dal livello nazionale al comunale passando per la Regione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl