you reporter

Adria

Casa di riposo, la presidente ci dà dei “ladri”

Casa di riposo di Adria, la presidente ci dà dei “ladri”. Quanto brucia che siano usciti sulla Voce i resoconti dell’ispezione al Csa. “Verbali sottratti e alterazione dei dati”: peccato che i numeri siano lì, e siano impietosi. Con lei.

Casa di riposo, la presidente ci dà dei “ladri”

Sandra Passadore

Il verbale degli ispettori della Regione è impietoso con la gestione della Casa di riposo di Adria, giudicata al di sotto degli standard per quanto riguarda la pulizia, la gestione dei medicinali, l’igiene degli anziani. La Voce in questi giorni ve l’ha raccontato, riportando i rilievi degli ispettori mandati da Venezia e le carenze riscontrate durante i controlli.

Alcune sono davvero gravi, basti pensare ai cateteri utilizzati per somministrare il cibo lasciati tutti insieme in un contenitore, o agli psicofarmaci “dimenticati” negli armadietti della cucina quando invece dovrebbero essere custoditi sotto chiave insieme a tutti i medicinali. Ecco, l’avere letto sul giornale queste cose ha mandato su tutte le furie la presidente del Csa, Sandra Passadore, che in un post l’ha messa così: “Certa stampa indecente... Alterazione di dati, verbali sottratti e manipolati, bugie, creazioni di mostri che non ci sono...”.

E dire che quei verbali l’avvocato Passadore, almeno lei, li dovrebbe avere letti. E sa bene quello che c’è scritto in un atto che non è certo secretato. Bisognava solo cercarlo. Ma forse, più semplicemente, non voleva che li leggeste voi...

Il servizio sulla Voce del 17 maggio 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl