you reporter

Eventi

La movida si riprende i giovedì

Musica e bar sul liston “ma nel rispetto delle regole”. La crociata del silenzio ha fatto flop

La movida si riprende i giovedì

Tornano gli aperitivi di piazza Garibaldi. Cambio di programma, la movida del prossimo futuro sarà simile, molto simile, a quella del passato recente. Stanno, infatti per tornare gli aperitivi musicali del giovedì sera, quelli che da qualche ano animavano i giovedì estivi del centro, che portavano centinaia di ragazzi in città e che hanno sollevato turbinii di polemiche e proteste.

Ma evidentemente la sollevazione giovanile contro la decisione che l’assessore Luigi Paulon aveva adottato nei mesi scorsi ha sortito il suo effetto. E così il responsabile della giunta comunale per quel che riguarda commercio ed eventi alla fine si è dovuto ricredere, cancellando la sua crociata contro la musica sul liston. Sì perché i giovedì di piazza Garibaldi, che scatteranno dalla metà di giugno, saranno molto simili a quelli dell’anno scorso. E quindi i bar aperti con la musica diffusa all’esterno, il chioschetto-bar sul liston, sedie e tavolini e il dj a diffondere musica.

Una sorta di ritorno all’antico, “ma - tiene a precisare Rubens Pizzo - non in barba alle regole. Ci saranno norme che tutti sovranno rispettare. La possibilità di organizzare di nuovo questi eventi è importante per vivacizzare la città e l’estate di chi resta a Rovigo. Occorre riconoscere all’assessore Pulon di aver preso la decisione giusta, avendo capito che si tratta di appuntamenti molto attesi dai giovani e che fanno il bene del centro”.

Non ci sarà quindi una deregulation, nel senso che ognuno potrà fare come crede, ma nemmeno lacci eccessivi e norme spegnimovida come era sembrato fino a qualche settimana fa. Gli eventi saranno organizzati dai bar che si affacciano su piazza Garibaldi, da quelli lungo via Silvestri e da Eva Eventi.

Alla fine dunque la movida, restando nel linguaggio figurato, si è presa la sua rivincita nei confronti di chi voleva silenziare la musica del giovedì sera. Musica, che ovviamente dovrà essere tenuta sotto controllo per quel che riguarda orari e decibel sprigionati nell’aria dalle casse acustiche. Ma sempre musica sarà, e non soltanto all’interno del locale, o nelle pertinenze esterne, come, sempre secondo quando stabilito settimane fa, avrebbe dovuto avvenire. Ci dovranno poi essere le prescrizioni che già erano entrate in campo nella scorsa estate, e cioè la possibilità per i clienti degli eventi di fruire di servizi igienici, un servizio di steward per garantire sicurezza e ordine, segnaletica apposita. Insomma tutti accorgimenti che gli organizzatori dovranno adottare e rispettare, come quelli relativi all’orario in cui abbassare e spegnere la musica.

Per il momento il via libera pare essere stato dato per gli ultimi tre giovedì di giugno. Poi l’iniziativa potrebbe durare anche nel mese di luglio. Ovviamente il tutto a seguito delle relative domande, richieste, presentazione di documenti per l’ottenimento delle conseguenti autorizzazioni.

La sostanza, però, è che la crociata portata avanti per mesi è stata sconfitta. Un esito che forse non farà piacere a quelle persone che avevano criticato gli aperitivi del giovedì sera, sostenendo che producevano rumori, bassa qualità e confusione in centro. Fra questi anche il consigliere comunale Alberto Borella, che anche quest’anno, stando così le cose, dovrà chinare il capo alla movida.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl