you reporter

Trecenta

Bianchini punta sulle consulte

La lista si è presentata a Pissatola. E l’ex deputata Narduolo ha rilanciato le fusioni

Bianchini punta sulle consulte

Sono iniziati dalla frazione di Pissatola gli incontri con i cittadini della lista “Insieme per Trecenta” con candidato sindaco Gilberto Bianchini, che ha introdotto alcuni argomenti del programma elettorale, tra cui la necessità di formare delle consulte di settore per dialogare con i cittadini.

Ognuno dei candidati consiglieri si è, poi, presentato parlando dell’argomento del programma che lo riguarda più da vicino. Luca Furini, lavora all’istituto Bellini, che sarà priorità visto la necessità di nuovo spazio per ospitare gli studenti. Valente Cestaro ha sottolineato il primo punto del programma, ovvero la fusione con altri comuni “che permetterebbe - dice Cestaro - di avere maggiori risorse e, quindi, dare maggiori servizi ai cittadini”.

Claudio Bizzi, essendo di Sariano, ha parlato dell’ostello che in questo momento è chiuso. “Bisognerebbe sfruttarlo meglio - dice Bizzi - e inserirlo in un percorso turistico”. Laura Antoniazzi, entusiasta di vivere a Trecenta per le sue bellezze naturali e artistiche, si occupa di Casa Rossi, con l’impegno di reperire fondi per realizzazione di un housing sociale da dedicare alle famiglie in difficoltà, “dove si possa recuperare la solidarietà, anche tra generazioni, di un tempo”.

Cristina Donzelli lavora al San Luca e ha trattato questo tema. “C’è bisogno dell’aiuto di tutti - afferma - per una battaglia che non sarà semplice, per avere dei servizi basilari sul territorio, come un pronto soccorso che funziona”.

Marco Melloni ha parlato del settore commerciale “si dovrà rivedere la parte urbanistica - spiega - in modo che il San Luca venga collegato al centro del paese e che i commercianti possano avere maggiore visibilità”. Marco Simonati ha sottolineato la sua voglia di fare qualcosa di concreto per i giovani e le persone in difficoltà. Da ultimo, Luisa Guidorizzi ha parlato del settore sociale e dell’importanza di collaborare con le associazioni del territorio.

Durante la serata era presente Giulia Narduolo, con la quale si è approfondito il tema “Opportunità per l’occupazione giovanile: servizio civile nazionale ed europeo”, dal momento che è stata deputata nell’ultima legislatura.

La presenza di Giulia Nardulo è stata di aiuto anche per parlare della fusione dei Comuni, visto che ha partecipato alla fusione di tre comuni della bassa padovana. “Nell’ultima legge - afferma la Nardulo - lo Stato premia i comuni che si fondono con un 60 per cento di contributi in più, senza dover sottostare a patti di stabilità. Il mio invito è di continuare su questa strada, informando i cittadini, perché è impensabile per i piccoli comuni andare avanti da soli”. Dopo alcuni interventi dei presenti Bianchini ha concluso affermando che “la linea di pensiero di questo gruppo è il confronto con tutti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl