you reporter

Badia Polesine

Assolti dall'accusa di sequestro e minacce

Una coppia era finita sotto processo dopo le denunce di una minore

Assolti dall'accusa di sequestro e minacce

Erano finiti sotto processo per sequestro di persona e violenza privata nei confronti di una minorenne, ma sono stati entrambi assolti, e accusati “solo” di lesioni . Una storia che risale al 2012, quando una giovane decise di andare a convivere con quello che, all’epoca dei fatti, era il suo fidanzato, di qualche anno più grande. Tutto sembrava filare liscio, fin quando l’uomo non ospitò in casa un cugino con la moglie: da qui sarebbero iniziati una serie di litigi tra la coppia e la minore, sfociati, secondo l’accusa, in veri e propri sequestri della giovane, con tanto di lesioni.


Una situazione in cui si sarebbero contestualizzate anche minacce di morte, e il divieto di chiedere aiuto a familiari o forze dell’ordine. Una convivenza difficile, a seguito della quale sono poi finiti sotto processo marito e moglie, difesi dall’avvocato Anna Osti. Legale che è riuscito a smontare le pesanti accuse avanzate a carico dei suoi assistiti, tanto che entrambi sono stati assolti da tre dei quattro capi d’imputazione: nessun sequestro di persona quindi, ma è rimasta l’accusa di lesioni ai danni della giovane, a seguito della quale è stata decisa una pena per la coppia, pari al pagamento di mille euro

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl