you reporter

Badia Polesine

Aree verdi, aumenta il contributo per chi le cura

Segantin: “In caso di appalto, con la stessa spesa gli sfalci sarebbero dimezzati”

Aree verdi, aumenta il contributo per chi le cura

E’ aumentato il contributo economico per chi ha in adozione uno spazio verde comunale.Durante l’ultima seduta del consiglio comunale di venerdì scorso, l’assessore all’ambiente Stefano Segantin ha presentato alcune modifiche ed integrazioni al regolamento per l’utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso.

La modifica più significativa è quella relativa all’aumento dei contributi destinati a chi si prende cura di una delle zone verdi della città.“Proponiamo di elevare il contributo economico da riconoscere a chi ha in affidamento aree verdi comunali da 0,20 a 0,30 euro per metro quadrato - ha spiegato l’assessore Segantin - Per quanto riguarda le grandi aree, l’intenzione è invece di prevedere un contributo forfettario in base ad un accordo tra le parti, in quanto il calcolo per metro quadrato sarebbe troppo gravoso per le casse comunali”.

Nonostante il lieve rialzo della quota da corrispondere, la giunta ritiene che la scelta sia conveniente perché “se la cura di queste aree venisse data in appalto, con la stessa spesa avremmo un numero di sfalci dimezzato”. L’aumento della spesa per le casse comunali, con questa nuova modifica al regolamento, è previsto di poco meno di 1.700 euro, con il vantaggio però di avere circa 24 sfalci contro gli 11 che verrebbero eseguiti se le aree fossero date in appalto.

Oltre alla questione del verde, è anche stata fatta un’integrazione in merito agli orari stabiliti dal regolamento. “L’utilizzo dell’area per il gioco del calcio potrà avvenire in maniera continuativa per non più di un’ora e 45 minuti, rispettando l’avvicendamento con altri gruppi presenti”, ha fatto sapere Segantin.

La decisione è stata presa in seguito ad alcune segnalazioni fatte all’ufficio ambiente sulle difficoltà di turnarsi per alcune squadre, soprattutto nell’area libera di Salvaterra. Entrambe le proposte presentate sono state approvate all’unanimità. Un plauso è arrivato anche dal consigliere Gianni Stroppa del gruppo “Adesso Badia”, che, nella precedente amministrazione, ha ricoperto il ruolo di assessore all’ambiente e urbanistica. Dopo aver definito “inappuntabile” la spiegazione data da Segantin, apprezzandone anche gli interventi sul territorio fatti in prima persona, ha riconosciuto: “Ognuno fa quello che riesce a dare nell’ambito della propria professionalità. L’innovazione delle sponsorizzazioni e delle adozioni è nodale se si vuole rendere i cittadini partecipi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl