you reporter

Lendinara

“La ditta ha 15 giorni per pagare”

Stipendi fermi a gennaio per i dipendenti della Grp Viaggi, che si occupa del servizio scuolabus. L’assessore Zeggio: “In caso contrario, le somme spettanti saranno usate per gli emolumenti del personale”

“La ditta ha 15 giorni per pagare”

L'assessore Francesca Zeggio

Fermi a gennaio i pagamenti degli stipendi per i dipendenti dell’azienda che si occupa del servizio di scuolabus a Lendinara: arriva dall’assessore alla pubblica istruzione Francesca Zeggio la risposta all’interrogazione sull’argomento presentata dal consigliere di Scelta Democratica Nabeel Bassal. Ora, sono quindici i giorni a disposizione della ditta appaltatrice per saldare quanto dovuto.

Già il 19 giugno Bassal aveva presentato una prima interrogazione per capire come l’amministrazione intendesse procedere nei confronti della ditta, che da mesi aveva sospeso i pagamenti ai dipendenti. La domanda era poi stata ripetuta dieci giorni dopo, sottolineando come la situazione fosse nota all’amministrazione, che nel frattempo sembrava non aver preso alcun provvedimento, mentre a fine giugno ai dipendenti era stato pagato il solo corrispettivo di gennaio. “Come amministrazione dobbiamo bloccare i soldi e non versarli all’azienda finché non paga i suoi dipendenti fino all'ultimo centesimo”, aveva sottolineato il consigliere Bassal.

Già ad aprile, fa sapere l’assessore Zeggio, l’amministrazione, venuta a conoscenza della situazione, aveva contattato i titolari della ditta appaltatrice, Grp Viaggi, e aveva ottenuto l’impegno scritto di pagamento degli stipendi arretrati ancora in sospeso per gli autisti e gli accompagnatori degli scuolabus.

Questo documento, come si precisa nella risposta all’interrogazione, ha consentito il pagamento delle somme dovute relative al mese di gennaio.

Il problema non si è però risolto, e in contemporanea con la seconda interrogazione di Bassal, l’amministrazione ha diffidato la ditta a pagare gli stipendi relativi al periodo da febbraio a giugno di quest’anno, con il relativo Tfr. Avranno solo quindici giorni di tempo: se entro la prossima settimana non verseranno quanto dovuto, “tutte le ulteriori somme spettanti alla ditta, per il servizio di trasporto scolastico, non verranno corrisposte - precisa nella nota dell’assessore Zeggio - ma verranno utilizzate per il pagamento diretto degli emolumenti spettanti al personale dipendente”.

Più felice la posizione di uno dei dipendenti, che invece si era già attivato con l’ufficio legale della Cgil di Rovigo e ha così ottenuto a inizio mese il pagamento degli stipendi di gennaio, come i colleghi, e febbraio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl