you reporter

Pincara

Festa dell'Unità di Pincara, una cucina da leccarsi i baffi

Prosegue con entusiasmo la festa dell’Unità a Pincara, in località Gambaro. Serate danzanti e tra i cuochi d’eccezione Graziano Azzalin

Prosegue con grande entusiasmo da parte dei volontari e degli ospiti la storica Festa de l’Unità, che anche quest’anno la sezione del Partito democratico di Pincara, in collaborazione con la Fondazione l’Arca, ha organizzato al Gambaro dal 10 al 15 di agosto. Anche in questa edizione sono stati molti i complimenti ricevuti fino ad ora dagli organizzatori, sia per l’ottima cucina proposta al ristorante, sia per le orchestre e i gruppi musicali esibiti sinora.

Grande la soddisfazione del segretario Tancredi Munerato che, assieme ad una delle figure storiche della festa, Nerino Negri, si è detto soddisfatto per i numerosi giovani che si stanno prodigando alla festa come volontari. Ottima l’affluenza registrata, per una festa che ha visto quest’anno anche l’apporto alla griglia di un cuoco d’eccezione: Graziano Azzalin. Inaugurata venerdì 10 con il duo Pat & Gabri, la festa è poi proseguita sabato 11 quando sul palco sono saliti Imma & Enrico. Domenica sera, ad intrattenere il numeroso pubblico ci hanno pensato Sergio & I Laser, mentre questa sera toccherà all’orchestra Manuel Martini.

Martedì 13 saranno poi Simone & Irene a far ballare i presenti, anticipando Gianni & I Franchi che si esibiranno mercoledì per l’ultima sera in programma. Tutte le sere, oltre al ballo con orchestra, sarà possibile gustare un aperitivo o un cocktail al bar, bere un buon bicchiere di vino all’enoteca, oppure fermarsi per qualche partita alla tradizionale tombola, assieme all’instancabile mattatore Ferruccio Nibale.

Ma anche quest’anno, il fiore all’occhiello della festa, è sicuramente il ristorante con piatti tipici della tradizione veneta, in collaborazione con la macelleria Moreschi, la pescheria Marco Davì e il forno pasticceria Bazzani. A gestire lo stand gastronomico i numerosi volontari che serviranno, a tutti coloro che decideranno di fermarsi a gustare le prelibatezze locali, gli ottimi piatti preparati con grande maestria dalla signore della zona.

Sarà possibile infatti assaggiare cappelletti in brodo, con ragù o con panna, pappardelle alla lepre, tagliolini gamberi e zucchine, tagliolini al salmone, salsiccia ai ferri, pollo disossato ai ferri, bondola con purè, cotechino con fagioli in umido, grigliata mista di maiale, somarino con polenta, fritto misto di mare, anguille fritte, baccalà con polenta, contorni e dolci vari.  Un menù veramente per tutti i palati che accontenta le numerose persone che trascorrono qualche ora all’insegna della buona cucina, dell’ottima musica e, ovviamente, dell’immancabile divertimento.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl