you reporter

Rosolina

La grande festa dedicata ai nonni del Delta

E’ stato un successo, ieri mattina, la quinta edizione della manifestazione a Sant’Antonio.

Una bella giornata nel nome di un bene prezioso per l’intera umanità: i nonni. Con queste premesse si è celebrata, ieri mattina, la quinta edizione della festa dei nonni del Delta, nella chiesa di Sant’Antonio a Rosolina. La giornata è iniziata con la messa. A celebrare la liturgia il vicario generale della Diocesi di Chioggia, don Francesco Zenna, che ha voluto festeggiare il suo 70° compleanno con tutti i nonni del Delta.

Durante l’omelia, il parroco ha sottolineato l’importanza della trasmissione dei valori che solo i nonni sanno insegnare, ovvero valori fondamentali per la vita di ogni bambino. A conclusione della celebrazione il consigliere di Rosolina, Daniele Vallese, tra gli organizzatori della manifestazione, ha spiegato come le premiazioni della giornata non vogliono elogiare una persona piuttosto che un’altra, ma solo indicare qualche situazione nella quale il nonno o la nonna hanno cercato di vivere bene il tempo per gli altri per la famiglia. Si è detto poi soddisfatto per il successo che questa manifestazione ha avuto durante questi anni, il che evidenzia l’importanza dei nonni, come pilastro della società. Un ringraziamento è andato ai sindaci del Delta per la collaborazione.

Presenti per le premiazioni i rappresentanti dei vari comuni, che hanno consegnato le targhe ai nonni che si sono contraddistinti nei vari territori. Ecco i premiati: per il comune di Adria, sono stati premiati i nonni Rosetta Galle e Umberto Morbillo; per Porto Viro, Luciana Milani e Luigi Flamini; per il comune di Taglio di Po, i nonni Mara De Rossi e Ugo Villani; per Ariano nel Polesine, Vanna Bianca Mortari e Giancarlo Pavanati; per Corbola, Maria Di Mail e Fiorina Vicentini; per Papozze, i nonni Cesira Ivana Zanforlin e Nicolino Bergo; per Porto Tolle, Donatella Marangone e Mario Finotti; per Pettorazza Grimani, Maria Teresa Polo e Giuseppe Talpo. Premiati anche i nonni di Rosolina Giselda Ruzza, volontaria Anteas, Arcadio Boscarato presidente dell'associazione Anteas, e Galdino Crivellari, presidente dell'Alta e della Protezione civile.

La festa poi si è spostata poi al Ristorante Medioevo, a suggello di una bellissima giornata per festeggiare l’amore dei nonni e la riconoscenza delle comunità di appartenenza.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl