you reporter

Lendinara

Molinella, piazza per don Miorelli

Sabato 27 ottobre la cerimonia di intitolazione al religioso che fondò la Cassa Rurale. Alla parrocchia sarà donato un crocifisso opera di Carlo Tintore, a ricordo dei 125 anni dell’istituto.

Molinella, piazza per don Miorelli

La chiesa di Molinella

Sabato 27 ottobre sarà intitolata a don Giuseppe Miorelli la piazza della frazione di Molinella, davanti alla chiesa del Patrocinio di San Giuseppe ancora priva di denominazione.

Così è stato deciso dalla giunta, che si è fatta portavoce del desiderio diffuso tra la comunità locale di ricordare la figura di don Giuseppe Miorelli, che il 29 luglio 1893, nella frazione di Molinella di Lendinara, ha fondato la prima Cassa Rurale della Diocesi di Adria, secondo l’esempio di Leone Wollemborg e in campo cattolico di don Giuseppe Cerutti. Ebbe il conforto iniziale di 12 soci, tra piccoli proprietari e fittavoli.

Ma alla fine dell’anno il loro numero era già raddoppiato (diventarono 26). Il primo semestre fece registrare un bilancio di oltre 10mila lire, con 4.019 lire concesse in prestito ai soci. Il 18 aprile del 1894 venne poi inaugurata la Cassa Rurale di Santa Sofia di Lendinara e qualche mese dopo toccò a quella di Villanova del Ghebbo. Erano anni nei quali nelle campagne polesane esisteva povertà e miseria, dove il piccolo proprietario contadino o il fittavolo, specialmente negli anni di carestia, erano costretti ad indebitarsi ricorrendo agli usurai per non svendere le proprietà.

Proprio per ovviare a queste situazioni, il parroco diede vita alla prima Cassa Rurale del Polesine, alla quale poi seguirono tante altre, ancor oggi esistenti come banche di credito cooperativo.

Don Giuseppe Miorelli, trentino di Arco, divenne sacerdote e docente nella Congregazione delle Scuole di Carità dei Padri Cavanis, che era stata fondata a Venezia nel 1802 per l’istruzione e l’educazione dei giovani.

Don Miorelli arrivò a Lendinara nel 1870, insegnando per vario tempo nelle scuole di San Biagio, e già dal luglio 1887 prese a svolgere servizio pastorale in una frazioncina della campagna lendinarese, Molinella, dipendente dalla parrocchia di San Biagio.

Venerdì 26 ottobre, alle 18, si terrà la presentazione del libro “RovigoBanca. Un secolo e più di credito cooperativo in Polesine”, con l’autore Pier Luigi Bagatin. Interverranno anche il sindaco Luigi Viaro, Edo Boldrin, vice presidente di RovigoBanca, il direttore generale di RovigoBanca Ruggero Lucin e don Bruno Cappato, direttore del settimanale diocesano “La Settimana”.

Sabato 27, poi, alle 10.30 la cerimonia di commemorazione dedicata a don Miorelli, con relazione di Bagatin e a seguire la donazione alla parrocchia di Molinella di un crocifisso, opera dell’artista Carlo Tintore, a ricordo dei 125 anni della Cassa Rurale.

Un momento di preghiera presieduto dal vescovo Pierantonio Pavanello continuerà poi con l’intitolazione con gli interventi del sindaco Viaro e di Lorenzo Liviero, presidente di RovigoBanca, con la solennità del corpo bandistico “Città di Lendinara”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl