you reporter

L'interrogazione

Alloggio Ater in via 22 Marzo, un caso

La minoranza chiede lumi sull'alloggio che il comune vorrebbe trasformare in centro di aggregazione

Alloggio Ater in via 22 Marzo, un caso

Nei giorni scorsi era stata presentata un’interrogazione da parte dei consiglieri di minoranza della Lega Nord del comune di Cavarzere, Pierfrancesco Munari e Roberta Fava, su alcuni stabili dell’Ater di Cavarzere, in via Marconi, con gravi problemi strutturali. Il 30 ottobre scorso è stata presentata un’altra interrogazione da discutere nel prossimo consiglio comunale, la cui data a oggi è ancora da definire, da parte dell’intera minoranza, composta da Pier Luigi Parisotto, Maurizio Braga ed Emanuele Pasquali. Il documento presentato in comune spiega che in data 10 gennaio 2011 il comune di Cavarzere comunicava all’Ater di Venezia, la volontà di recedere dal contratto di locazione dell’immobile sito in via 22 Marzo 14, ma che nonostante il recesso, il comune ha comunicato di voler rimanere in possesso dell’immobile al fine di utilizzare i locali quale sede di aggregazione giovanile comunale. L’Ater a questo punto ha sollecitato più volte per il “recupero dell’unità immobiliare senza alcun riscontro formale”.

Se ad oggi risulta un debito del comune di Cavarzere nei confronti dell’Ater per l’immobile di via 22 Marzo, qual è l’importo? - si chiedono - l’amministrazione comunale ha corrisposto l’indennità di occupazione per il periodo successivo al recesso del contratto di locazione? Le chiavi dell’immobile sono state restituite al legittimo proprietario?”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl