you reporter

Lendinara

Lendinara per due mesi capitale dei presepi

Si tratta della 17esima rassegna, i lavori rimarranno fino a domenica 3 febbraio prossimo

Lendinara per due mesi capitale dei presepi

Non è Natale a Lendinara senza la tradizionale mostra dei presepi. E’ stata inaugurata sabato a Palazzo Eredi Ponzetti, in via Duca D’Aosta 18, la diciassettesima rassegna del presepe, con la benedizione di don Michele Samiolo. Esposti fino a domenica 3 febbraio 2019 i capolavori della tradizione natalizia allestiti e quelli raccolti dalla squadra formata da Walter Broccanello, Michele Campesan, Pasquale Campesan, Massimo Ottoboni, Paolo Toso e Matteo Vincenzi. New entry quest’anno, al posto di Fulvio Bonavigo, il lendinarese Paolo Perazzolo. Suo il presepe tutto meccanico e narrato di quasi cinquanta metri quadrati.

Grande successo registrato lo scorso anno da parte di visitatori provenienti dalla provincia di Rovigo ma non solo. Trenta stanze suddivise in tre piani per un totale di quattrocentocinquanta opere con presepi provenienti da tutto il mondo particolari sia per i materiali usati che per le fattezze originali. Già dallo scorso anno inoltre il completamento della soffitta di Palazzo Ponzetti ha permesso l’allestimento di un gigantesco presepio. Cento le opere di questa mostra permanente che dallo scorso anno sono state sostituite e una cinquantina quelle modificate, proprio perché chi la visita possa trovare ogni anno allestimenti nuovi. “Il presepe più grande è di centoquaranta metri con case alte tre metri”, racconta Pasquale Campesan, entusiasta per le novità di quest’anno. “Quattrocentocinquanta presepi per un totale di 1750 metri di superficie occupata. Tra presepi nuovi e rinnovati, cinquanta delle “Terre Nuove” di Ferruccio Giuliani, che provengono da tutto il mondo”.

Resta saldo l’intento dell’amministrazione comunale di creare un museo dei presepi, per valorizzare questa mostra permanente che ogni anno attira visitatori da tutta Italia, e la speranza è quella di poterlo fare nello stesso palazzo che per anni l’ha accolta. Dal 2 al 23 dicembre la mostra sarà aperta solo nei giorni festivi e prefestivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Dal 23 dicembre al 6 gennaio 2019 sarà aperta invece anche tutti i giorni dalle 15 alle 19. Dal 7 gennaio al 3 febbraio 2019 sarà aperta il sabato e la domenica dalle 15.30 alle 19.00. L’ingresso alla mostra è gratuito fino ai dieci anni e costerà per i più grandi tre euro con in omaggio un biglietto della lotteria “Strada dei Presepi”; il ricavato della vendita dei biglietti verrà destinato all’Istituto Oncologico di Padova.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl