you reporter

Badia Polesine

Verde, al via l’operazione potature

La volontà di sistemare gli alberi della città era stata annunciata dall’assessore. Segantin: “Stiamo lavorando per gli ultimi dettagli. Intervento nelle prossime settimane”.

Verde, al via l’operazione potature

L’amministrazione comunale di Badia Polesine riprende in mano la cura del verde cittadino con una serie di potature. L’intenzione di dare il via ad un’operazione volta a sistemare gli alberi della città era stata da tempo anticipata dall’assessore all’ambiente Stefano Segantin. Come aveva annunciato l’esponente della giunta, l’intervento di messa in sicurezza degli alberi è mosso soprattutto con l’obiettivo di salvaguardare l’incolumità delle strade e dei cittadini che le attraversano ogni giorno.

Il percorso è iniziato diversi mesi fa, dapprima con l’ideazione di un “censimento” degli alberi presenti sul suolo comunale. Una volta individuato il quantitativo di alberature, è stato più facile prospettare un programma di sfoltimento delle piante, già preannunciato la scorsa estate in occasione della rimozione di alcuni vecchi alberi ai giardini comunali e, poche settimane più tardi, in seguito alla forte ondata di maltempo che ha interessato la città. All’incirca una ventina di alberi è stata tra le vittime dei temporali, che hanno causato anche la rottura di diversi rami, rendendo ancora più evidente la necessità di provvedere ad un’operazione di potatura, oramai prossima alla realizzazione.

“Insieme all’ufficio ambiente stiamo lavorando per ultimare gli ultimi dettagli - fa sapere Segantin - ma confido che l’intervento possa partire nelle prossime settimane”. Sebbene la lista dei luoghi interessati dalle potature sia ancora in fase di definizione, sicuramente verrà data attenzione alle piante lungo le riviere dell’Adigetto, com’era stato anticipato dall’assessore. Inoltre, con buona probabilità si andrà ad intervenire anche al parco Munari, nelle vie XXIV Maggio, Mure Rosse e Eleonora Duse e nell’area verde tra le vie Beggio e Fadin.

L’argomento potature riporta all’attenzione anche lo stato dei tigli di via Diodato Massimo, per i quali si era inizialmente ipotizzata una perizia a seguito delle segnalazioni dei residenti, allarmati per le loro condizioni. “In questo momento una perizia è troppo dispendiosa per le nostra casse - riflette l’assessore - ma probabilmente anche qui verrà data una sistemata”. “Quest’anno partiremo con un programma di potatura degli alberi - aveva anticipato il sindaco Giovanni Rossi - era da diversi anni che non veniva fatto. Dato che per coprire tutte le piante è necessaria una somma considerevole, distribuiremo un po’ di interventi per anno”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl