you reporter

Solidarietà

Uno Spiffero per tutto l’anno

Il ricavato del calendario di Spiffero andrà all’Asla: l’anno scorso raccolti 800 euro, adesso si punta a quota mille

Uno Spiffero per tutto l’anno

Non c’è niente da fare: non basta incontrare lo Spiffero nella caffetteria all’angolo tra le vie Peschiera e Pignara, non basta condividerlo su Fb con le sue graffianti vignette-fotomontaggi, non basta seguirlo sui media per le sue battaglie sociali, bisogna anche portarselo a casa per averlo davanti tutti i santi giorni dell’anno. Ecco che arriva il calendario 2019 in formato elegante da tavolo: ogni mese, una pagina, ogni pagina alcune delle vignette più significative.

L’intero ricavato sarà devoluto all’Asla, associazione impegnata nella raccolta fondi per la ricerca contro la terribile Sla, sclerosi latera amiotrofica. “L’anno scorso – ricorda Francesco Begheldo – siamo arrivati a 800 euro, spero che quest’anno si possa raggiungere quota mille”. Detta così sembra quasi una provocazione da Spiffero: visto che il governo gioca sulla quota 100, lui non può essere da meno e propone quota 1.000. Ma per un gesto di solidarietà questo e altro. Il calendario è disponibile in caffetteria fino a esaurimento copie; l’anno scorso sono state bruciate in pochi giorni, così quest’anno sono state stampate in numero maggiore.

Si parte con gennaio dove compare un’elegante fanciulla in smoking, al secolo Simonetta Bellato, collaboratrice dello Spiffero, che dal cappello del mago fa saltar fuori il volto dello Spiffero, come a voler dire: ci sarà anche nel 2019, alla faccia di amici e nemici. E sarà presente fin dalle prime ore di Capodanno, alle 2.30 dietro al bancone del bar per il rito magico propiziatore con la prima colazione per un felice anno nuovo. Subito sotto si propone come volto di copertina di una rivista patinata che lo elegge “Man of the year”. A febbraio lo Spiffero è in “ritiro spirituale” con Di Maio e Salvini immortalati mentre sono in preghiera. A marzo viene annunciata un’importante novità: il cappucigno. Aprile è il mese della vanità e lo Spiffero mostra alcuni ritagli di giornale tra le tante sue apparizioni sui media. Maggio solitamente è mese da campagna elettorale, così Francesco veste i panni di Cetto la Qualunque per una campagna in stile Totò. Giugno, luglio, agosto e settembre sono autocelebrativi, ottobre mese dedicato al rosario e non a caso lo Spiffero si trova a tu per tu con Papa Francesco. A novembre si torna indietro di 12 mesi per urlare qualcosa nell’orecchio di Mou che non sente bene. A dicembre due ragazze dicono che è tutto okay. Lascia un po’ a desiderare la locandina che pubblicizza il calendario: un improbabile Spiffero con il fisico da gladiatore. Ciò nonostante il calendario sta andando a ruba.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl