you reporter

CULTURA

Arriva Sgarbi, scontro aperto sui libri di Cibotto

L'onorevole sarà oggi pomeriggio in città per denunciare la decisione di mandare al macero quintali di libri appartenuti in parte al grande scrittore polesano.

Arriva Sgarbi, scontro aperto sui libri di Cibotto

L'onorevole Vittorio Sgarbi

 L’aveva annunciato da tempo e ha onorato la sua promessa. Oggi alle 15 l’onorevole e critico d’arte Vittorio Sgarbi sarà a Rovigo per dire la sua sulla scelta di mandare al macero i libri di Gian Antonio Cibotto, lo scrittore polesano morto un anno e mezzo fa, e per andare a denunciare con un esposto in Procura tutta la vicenda.

L’appuntamento è al bar Thun in piazza Garibaldi, a Rovigo.

Tutto ruota attorno al caso dei 27 quintali di libri scartati dall’Accademia dei Concordi e avviati al macero. I residui di una riorganizzazione della biblioteca, ma anche una selezione fatta sul lascito Cibotto: circa l’8-10% dell’enorme patrimonio librario del grande intellettuale rodigino scomparso nell’agosto del 2017 è stato avviato alla distruzione. Tra i quintali di “carta” affidata ad Ecoambiente dal consiglio direttivo dell’Accademia dei Concordi, infatti, c’erano i volumi, con copertine di classici, dello scrittore polesano che lui stesso con testamento aveva donato all’Accademia.

Con Sgarbi saranno inoltre presenti lo scrittore, regista, Giancarlo Marinelli e l’editore, libraio, Franco Caramanti.

Denuncio Boniolo, denuncio tutti. Non è accettabile mandare dei volumi al macero. Con il suo comportamento Boniolo ha provocato un danno erariale, e un danno alla città”, ha dichiarato a più riprese Sgarbi.

A difesa del presidente dell’Accademia dei Concordi, il professor Giovanni Boniolo, il Consiglio direttivo dell’Accademia dei Concordi che “rinnova piena fiducia e solidarietà al presidente che è stato recentemente oggetto di una compagna di stampa diffamatoria senza precedenti e che ha assunto toni oltraggiosi”.

Il consiglio, formato da Pier Luigi Bagarin, vicepresidente, Andrea Bagno, Sandra Bedetti, Matteo Santipolo, Fiorenzo Scaranello e Paolo Forzato, aggiunge che “così come in passato, anche in futuro l’Accademia dei Concordi promuoverà iniziative per onorare la memoria dell’illustre socio Gian Antonio Cibotto, il cui imponente lascito librario sarà reso disponibile per la consultazione, e quindi offerto all’interesse della collettività, nelle sale di Palazzo Bosi non appena terminati i lavori di ristrutturazione”.

Intanto i quattro consiglieri nominati dal Comune con il vicepresidente dell’Accademia dei Concordi, Valentina Noce, subito dopo la notizia della distruzione di quintali di volumi hanno chiesto un consiglio d’amministrazione straordinario per capire su quale base sia stata fatta questa scelta che non era stata comunicata a una parte del cda.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Le luci “strobo” si sono spente
C’era una volta la disco

Le luci “strobo” si sono spente

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl