you reporter

Il personaggio

Giorgia fa ripartire il Ghana

La ventenne rodigina aiuterà le imprese dello stato africano a trovare una strada di sviluppo. “Servono fondi: sosteneteci”.

Giorgia fa ripartire il Ghana

“Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita”. Così recita un antico proverbio cinese. E questo è esattamente quello che una giovane polesana farà assieme alla sua università, tra pochi mesi. Giorgia Turri, 20 anni, originaria del quartiere rodigino di San Bortolo, dopo il diploma al liceo scientifico Paleocapa ha deciso di lasciare il Polesine e partire per trasferirsi a Milano dove frequenta all’università Bocconi il corso di laurea in economia, che si svolge interamente in lingua inglese.

Giorgia, che da sempre ha una grande passione oltre che per i suoi studi, anche per il viaggio e per l’avventura, fa inoltre parte dell’associazione internazionale “Global Business Brigades”, che seleziona giovani che aspirano a creare opportunità finanziarie in zone remote e rurali in paesi in via di sviluppo.

“Quest’anno - racconta la stessa Giorgia - il nostro gruppo ha deciso di canalizzare l’impegno in Ghana e il prossimo aprile parteciperò alla missione pro-bono dove faremo consulenza per il supporto di piccoli business locali al fine di garantire miglioramenti di lunga durata nella sostenibilità delle aziende ghanesi con cui lavoreremo”.

Non proprio una passeggiata, considerando il fatto che il Ghana non è proprio dietro l’angolo e soprattutto non gode certo di una situazione politica ed economica delle migliori. “Abbiamo già iniziato l’iter delle vaccinazioni - continua - e devo dire che non si tratta di una cosa semplice, ma io e il mio gruppo non vediamo l’ora di andare”.

Il gruppo universitario del quale la polesana, che a Rovigo ha ancora i genitori e una sorella, è composto da una ventina di studenti che hanno deciso di impegnarsi in questo ambizioso progetto. “Lavoreremo da volontari e stiamo cercando di finanziare i puri costi dell’iniziativa attraverso numerosi eventi di raccolta fondi - spiega ancora - ma è molto difficile coprire tutte le spese, perciò ognuno di noi si sta impegnando a ricercare finanziamenti per il progetto e per questo sarei davvero grata a tutti coloro che a qualsiasi titolo volessero contribuire contattandomi sulla mia pagina Face book”.

“Le aziende del posto sono tutte di minuscole dimensioni - racconta ancora Giorgia - non hanno sicuramente computer o altri mezzi informatici e il minimo di contabilità è tutta cartacea. Durante il nostro soggiorno in questi villaggi, cercheremo da dar loro il massimo sostegno e aiuto per fargli sviluppare al massimo le loro potenzialità”.

“Ringrazio infinitamente chiunque voglia sostenerci - conclude Giorgia - e chi troverà questo progetto interessante potrà seguirci sulla pagina Facebook Global Business Brigades Milan, nella quale condivideremo questa esperienza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl