you reporter

Rugby

“E’ un errore, ma va contestualizzato”

Le reazioni in casa rossoblù dopo l’insulto razzista di Casellato nel derby col Padova.

“E’ un errore, ma va contestualizzato”

L’eco della tempesta riecheggia ancora dopo l’insulto razzista durante il derby con il Petrarca.  L’espulsione di coach Umberto Casellato, durante la partita di Continental Shield tra Padova e Rovigo (vinta dalla squadra polesana), per un’offesa a carattere razzista dei confronti di Su’A, giocatore del Petrarca, è l’argomento che tiene banco. Peraltro, il tecnico ha riconosciuto l’errore e si è subito scusato. Nulla può giustificare l’accaduto, certo. Ma la tensione della gara e un gioco particolarmente duro sicuramente hanno influito a far crescere la tensione durante la gara. Per esempio, in più occasioni Su’A aveva fermato in modo falloso qualche giocatore rossoblù (in particolare, il placcaggio a pieno collo di Vian, su cui il direttore di gara ha estratto solamente il giallo) e questo ha magari contribuito a surriscaldare gli animi. Anche se, ripetiamolo ancora, questo non può mai giustificare un insulto razzista.

Lo stesso Casellato spiega: “Il cartellino rosso che mi ha dato l’arbitro è arrivato dopo un tafferuglio a bordo campo e nella concitazione del momento ho rivolto a Su’A un insulto razzista per cui mi sono scusato con lui, con la squadra del Petrarca e la mia squadra”.  Sul caso, interviene anche la società, che condanna il comportamento ma cerca di contestualizzarlo. In particolare il presidente dei Bersaglieri, Francesco Zambelli afferma: “Dispiace per quello che è successo. Penso che chi ha sbagliato debba pagare, ma è stata la concitazione del momento a far venire fuori delle parole che magari non si volevano dire. Lo dimostra il fatto che il coach stesso successivamente ha chiesto scusa. Certo, bisognerebbe evitare che questi episodi accadano”.

Sul punto, parla anche il presidente delle Posse Rossoblu, il tifo organizzato dei Bersaglieri. Stefano Padoan spiega: “Io non ero allo stadio. L’unica cosa che posso dire è che mi dispiace per questo episodio, ma allo stesso tempo credo che sia stato provocato dalla tensione del momento e che Casellato non pensi assolutamente quello che ha detto, per cui è stato un errore sì, ma che deve essere contestualizzato. In ogni caso, sono sempre da rimproverare comportamenti del genere, che siano essi razzisti od in qualsiasi caso offensivi nei confronti dei giocatori o di altre persone in campo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl