you reporter

Provinciali

Il Pd perde i pezzi: i sindaci fanno la lista col centrodestra

Dai primi cittadini via libera all’accordo, l’ala Romeo studia le contromisure. Intanto è frattura anche dentro al partito: convention senza area Martina.

pd[1].JPG

I sindaci vanno dritti per la loro strada. E di sottostare al diktat della direzione Pd, dopo aver messo la faccia nelle trattative per arrivare alla lista unica con civici e centrodestra per le elezioni provinciali di domenica 3 febbraio, proprio non ne vogliono sapere.

Così, nonostante il veto della direzione dem, i sindaci faranno parte del listone. Secondo gli accordi, dei 10 posti in lista sei toccheranno al centrodestra, tre ai sindaci di area Pd (unica certezza, fino a ieri pomeriggio, Francesco Siviero di Taglio di Po) e uno verrà indicato dalla maggioranza civica di Adria.

A fronteggiare il listone sarà di certo la lista espressione di Fratelli d’Italia, che non ha approvato la scelta di fare squadra col centrosinistra. La lista alternativa è stata presentata ieri sera alle 19.30.

In mezzo, resta l’area Romeo del Pd: quella che ha votato contro il listone nella direzione provinciale dem e che - nelle intenzioni - vorrebbe comunque presentare una propria lista. Sarà una corsa contro il tempo, e servono (almeno) 38 nomi, ovvero 6 candidati e 32 firmatari.

Ma quello che ne esce è un Pd a pezzi. Come dimostrato, se mai ce ne fosse stato bisogno - e qui parliamo dei meccanismi interni a casa Pd - anche dalle convenzioni di circolo che si sono svolte ieri a Rovigo, per indicare i delegati alla convention provinciale, in vista dell’elezione del nuovo segretario nazionale fissata per il 3 marzo prossimo.

A Rovigo, però, l’appuntamento elettorale interno è stato disertato dagli aderenti alla mozione Martina-Richetti, “d’intesa - come spiega Diego Crivellari - con la mozione Zingaretti”. Così, la consultazione nei circoli cittadini si è conclusa con un trionfo della mozione Boccia (appoggiata, tra l’altro, proprio dall’area Romeo): nel circolo di Rovigo centro ha conquistato il 95% dei voti; a Sarzano-Buso-Mardimago è arrivata al 96%; a Borsea al 92%; e a Concadirame al 100% (4 voti). 

Un risultato, quello dei circoli del capoluogo, molto diverso da quello arrivato da Badia, dove si è votato sempre ieri: qui, l’area Martina-Richetti ha vinto con il 54%.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl