you reporter

STIENTA

Zona artigianale, una discarica

Capita spesso che nei comuni rivieraschi le zone periferiche diventino veri e propri ecocentri

Zona artigianale, una discarica

Un materasso matrimoniale gettato per la strada

Ancora rifiuti abbandonati nel territorio del comune rivierasco. Continuano senza sosta le segnalazioni di cittadini che, dalle diverse zone della nostra bellissima provincia, ci comunicano come fossi, canali, argini, strade e prati, vengano sempre più spesso trasformati in vere e proprie discariche.

Questa volta, ad essere abbandonato vicino ad un’isola ecologica posizionata nella zona artigianale, è stato un materasso. Qualcuno nei giorni scorsi ha pensato bene, probabilmente approfittando del buio della notte o della nebbia, che ultimamente sembra non voler abbandonare il territorio, dell’Alto Polesine, di lasciarlo a fianco dei cassonetti utilizzati dalle aziende di quell’area.

A renderlo noto un residente che, attraverso un simpatico post sulla pagina Facebook seguita dai cittadini stientesi, ha segnalato l’insolito abbandono.

Questo è solo l’ultimo di una serie di episodi che sembrano proprio non finire mai e che vedono, praticamente in ogni paese della nostra provincia e su tutto il territorio, l’abbandono di rifiuti di vario genere lungo gli argini dei fiumi o a bordo di strade solitamente poco trafficate.

Non è certamente una novità; da anni il problema dell’abbandono dei rifiuti è ormai una costante un po’ per tutti i comuni rivieraschi, che devono fare i conti con maleducati di ogni genere che preferiscono lasciare le loro schifezze per strada piuttosto che consegnarle nei vari centri ecologici di raccolta o conferirle naturalmente durante la raccolta settimanale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl