you reporter

A Buso


Prigionieri dei rami abbandonati

In via Nievo le potature degli alberi sono state abbandonate sul marciapiede

Polemiche e proteste a Buso per come sono stati potati gli alberi di via Ippolito Nievo. Con i residenti che si ritrovano prigionieri in casa, a causa dei rami e con i pedoni costretti a rischiare l’incolumità per recarsi al cimitero. E la protesta è rivolta alla ditta incaricata ma anche e soprattutto al Comune di Rovigo.

Un taglio, hanno sottolineato i residenti, che ha lasciato rami e ramaglie sulla strada e sui marciapiedi.
“Degrado e pericolo - stigmatizzano i cittadini - hanno tagliato i rami degli alberi lasciandoli sul marciapiede. In questo modo i passanti sono costretti ad andare nella corsia, in mezzo alla strada, dove le auto sfrecciano spesso ad alta velocità”. Una situazione assurda, tanto che una famiglia, sabato scorso, si è ritrovata d essere quasi prigioniera in casa propria, non potendo uscire dalla propria abitazione in sicurezza. Secondo Martino la catasta dei rami tagliati e abbandonati sul marciapiede era così alta che dalla via d’uscita della casa non era possibile vedere le auto sopraggiungere “perché - segnalavano i residenti - tutto è nascosto dai rami lasciati ammucchiati nel marciapiede”.

La protesta quindi si rivolge nei confronti dell’ente, o della ditta incaricata di potare gli alberi e fare pulizia: “Non so chi sia il soggetto che deve fare queste cose - dice un cittadino - ma so che sicuramente è un’azienda incaricata per conto del Comune perché le piante sono su suolo pubblico”.
E non è finita, perché “Anche chi volesse recarsi al cimitero deve fare lo slalom sulla carreggiata, sperando di non essere travolto dalle auto in transito”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Le luci “strobo” si sono spente
C’era una volta la disco

Le luci “strobo” si sono spente

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl