you reporter

CASO COIMPO

Fanghi inquinati nei campi: Comune a fianco dell'accusa

Ammessa la costituzione di parte civile, anche per la Provincia e per la Regione

Traffico illecito di rifiuti, Crepaldi patteggia 10 mesi

Fanghi non a norma finiti nei terreni agricoli: questa l'ipotesi al centro del processo

Il Comune di Adria potrà affiancare la pubblica accusa, nell'udienza preliminare in corso a Venezia, figlia della maxi inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Venezia, che ha coordinato gli accertamenti dei carabinieri forestali di Rovigo. Ammesse, come parti civili, anche la Provincia di Rovigo e la Regione del Veneto. Al centro di tutto, l'attività delle due ditte di Ca' Emo, Adria, località America, Coimpo e Agribiobert.

Si occupavano del trattamento di fanghi, provenienti da impianti di depurazione o comunque di origine industriale, per poi spanderli sui terreni come fertilizzante. Secondo la ricostruzione dei forestali, spesso sarebbero stati omessi trattamenti e fasi della lavorazione previsti dalla normativa, per massimizzare la quantità di prodotto trattabile e, quindi, aumentare il guadagno.

A dicembre 2017 scattarono anche misure cautelari, per questa ipotesi. Tutti coloro che ne furono attinti hanno patteggiato, tranne due imputati per i quali è aperto il dibattimento. L'udienza preliminare riguarda quelle posizioni, una trentina circa, di indagati non destinatari di misure cautelari.

Oltre all'ammissione delle parti civili, nel corso dell'udienza si sono avute alcune oblazioni, da parte di indagati secondari, stralci per competenza territoriale e preannunci di richieste di patteggiamento o di giudizio abbreviato. L'udienza entrerà nel vivo il 23 e il 30 maggio, quando è prevista la discussione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl