you reporter

IL CASO

Inchiesta per usura. Spunta un terzo indagato. Cinese

Proseguono le indagini, il pescatore di Goro ha chiesto e ottenuto di essere interrogato. Avrebbe tirato in ballo proprio l'orientale

Tassageddon: domani 65 scadenze

Le ipotesi parlano di prestiti a tassi usurari

Ci sarebbe un terzo indagato, non colpito da misure cautelari, nell’indagine che ha portato agli arresti domiciliari, su ordinanza, Rubens Pizzo, 45 anni, notissimo esercente rodigino, e Pietro Gianella, 52 anni, pescatore di Goro. Sono entrambi indagati per l’ipotesi di reato di usura, senza, comunque, avere avuto, secondo questa ricostruzione dei fatti, contatti tra loro.

A fare da anello di giunzione tra le due posizioni, comunque distinte, sarebbe stato, appunto, il cinese, sulla cui posizione viene allo stato mantenuto il massimo riserbo da parte degli investigatori. Il gorese, nella mattinata di giovedì 10 aprile, tramite il suo difensore, ha chiesto e ottenuto di essere interrogato dal sostituto procuratore Sabrina Duò, che sta portando avanti gli accertamenti. Avrebbe cercato di ridimensionare le contestazioni che gli sono mosse, ossia di avere prestato soldi, a tassi usurari, a due commercianti, padre e figlio, del Padovano, ma con un negozio in Bassopolesine.

Avrebbe spiegato che la sua posizione, nella vicenda, sarebbe in realtà subalterna rispetto a quella del cinese. Una versione dei fatti che ora la Procura si prenderà il tempo necessario per valutare. Intanto, ancora nessuna novità per quanto concerne l’esito dell’udienza, al Tribunale del Riesame, dei giorni scorsi, frutto dell’istanza degli avvocati di Pizzo, Michele Brusaferro e Dania Pellegrinelli, del foro di Rovigo, che avevano chiesto l’annullamento, o l’attenuazione, dei domiciliari.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl