you reporter

centro storico

“Dal nuovo sindaco vogliamo amore e cura per la città”

Ecco cosa chiedono commercianti e abitanti del cuore del capoluogo

Il grido disperato dei rodigini “Più parcheggi e meno buche”

Seconda tappa in centro storico: dopo i quartieri, abbiamo sostato per un paio di giorni nel centro della città per chiedere ai cittadini, ai commerciati, ai passanti quali siano i problemi del capoluogo e cosa vorrebbero per la loro città dalla prossima amministrazione comunale, al di là del colore politico che vestirà.

E la musica, rispetto alla prima tappa in centro storico, non è cambiata: la gente chiede maggior decoro, pulizia e manutenzione di strade e marciapiedi e parcheggi non a pagamento o con tariffe minori rispetto a quelle attuali definite dai più “esagerate”.

“Decoro, pulizia e sicurezza, questa città ormai è abbandonata a se stessa - commenta Guido, negoziante del centro - Qui con i pezzi che cadono dagli immobili le strade distrutte e i marciapiedi pure sembra un percorso di guerra. In tutto il centro c’è sporcizia e degrado, le caditoie sono intasate, nei giorni in cui abbiamo il mercato in centro nessuno viene a togliere le transenne se non dopo le 16.30 e non le portano neanche più via, le lasciano tutta la settimana a bordo strada. Eppure, se non ricordo male, l’appalto postare le transenne valeva 100mila euro”.

“Ci hanno tolto le panchine perchè non si sedessero i profughi o gli immigrati e la realtà è che non ci possiamo più sedere neanche noi - commenta Gianni - I marciapiedi sono una vergogna, non si riesce a neppure a camminare e la segnaletica, in generale, lascia proprio a desiderare. Per quanto riguarda le torri e i giardini sono un luogo meraviglioso ma davvero poco sfruttato. Andrebbero valorizzate magari con qualche evento in più invece sei soliti eventi a posti numerati solo in piazza”.

“E’ una città tranquilla - commenta Francesco che si è trasferito da poco a Rovigo - Non mi dispiace per quel poco che ha potuto vedere ma non posso non notare che mancano i parcheggi”. Cosa che sottolinea anche la titolare del bar in via Mazzini, Ilaria: “La gente si lamenta dei parcheggi. Sono pochi, costano troppo e la gente ha sempre l’ansia della macchina. Non si può neanche rilassare e farsi un giro per comprare qualcosa in serenità”. Sul tema del commercio, una tirata d’orecchie arriva da Emanuela, del Bar fuori dal comune: “Il mondo è cambiato e i commercianti non si sono ancora adeguati - commenta - devono cambiare gli orari. Inutile aprire alle 9 della mattina che non ci va nessuno: dovrebbero tenere aperto durante la pausa pranzo e nei week end. Una cosa che dovrebbe fare la prossima amministrazione sarebbe quella di spostare gli uffici in centro: non servono manifestazioni eclatanti,vanno riempiti gli spazi vuoti”.

“Di cosa ha bisogno Rovigo? Di qualcuno che la ami veramente - risponde Ilaria, commerciante - Abbiamo una bellissima città che potrebbe essere una piccola bomboniera e invece è sporca, malridotta. Nessuno se ne prende più cura. Basterebbe che i prossimi assessori si interessato un po' di più, aiutassero i commercianti con proposte di eventi, basterebbe così poco. Abbiamo bisogno di qualcuno che abbia davvero a cuore la città e non la poltrona, che abbia davvero voglia di prendersene cura”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • fulvio.barion@gmail.com

    fulvio.barion

    16 Aprile 2019 - 16:04

    Vi aspetto tutti per parlarvi del vero ed unico microcredito. Ente Nazionale Microcredito .gov . Un modo per dare una mano ad alzare le serrande. Garanzia gratuita dell'80% su di un finanziamento di 25.000€ . Andate sul sito http://www.microcredito.gov.it/ e poi chiamatemi 335/7620392 È una opportunità seria.Fulvio Barion/ Tutor

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl