you reporter

Adria

I civici snobbano Adriashopping

Questa sera in municipio c’è l’incontro sul distretto del commercio. Nell’invito, Wilma Moda non fa riferimento all’associazione “autonoma” degli operatori

I civici snobbano Adriashopping

Wilma Moda

Si mettano il cuore in pace gli associati e i dirigenti di Adriashopping: l’associazione deve sparire. Ancora una volta è chiaro il messaggio che arriva da Palazzo Tassoni, dove sventola la bandiera civica. La vicesindaca Wilma Moda, assessore, tra le altre cose, al commercio e allo sviluppo economico, ha convocato una riunione aperta ai commercianti della città sul tema “Adria: distretto del commercio”. L’incontro è questa sera alle 21 nella sala consiliare del municipio, gli organi di stampa non sono stati invitati, alla faccia di quella trasparenza e apertura alla società civile tanto sbandierata dai civici prima di insediarsi a Palazzo Tassoni.

Nel volantino-invito, distribuito nell’atrio del municipio, dopo data, luogo e argomento della serata, si legge: “Saranno presenti i rappresentanti delle associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti”. Quindi, Adriashopping non esiste, non viene riconosciuta quale associazione di categoria che possa mandare i propri rappresentanti. Anche se, in via informale, si apprende che la vicesindaca ha mandato una mail-invito al presidente Mauro Trombini e agli altri del direttivo. Analoga mail è stata inviata anche ad Adria.com guidata da Nicola Resta.

Adriashopping resta in silenzio e medita, pertanto non è dato sapere se parteciperà all’incontro come associazione oppure ognuno dei soci, chi vorrà, andrà a titolo personale. Resta in silenzio per non alimentare altre polemiche, resta a meditare su quell’ostracismo da parte di Barbierato e compagnia civica che ha messo in ginocchio le finanze dell’associazione per l’irrisorio contributo su “Adria d’estate”. Così la programmazione del 2019 è in alto mare.

Eppure, per uno scherzo della storia, Adriashopping è nata come espressione “civica” nel mondo dell’associazionismo di categoria per esaltare lo spirito di autonomia della città etrusca. E proprio i civici della politica la stanno affossando: anche Dante Alighieri farebbe fatica a trovare un contrappasso adeguato. Ma Adriashopping ha un “difetto” di nascita: è una creatura di Bobo. Pertanto, lo spirito di rivalsa viene prima dello spirito civico.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl