you reporter

NEGOZI in citta’

“Serrande abbassate a Rovigo più che altrove”

Ascom: "I politici negli ultimi 20 anni hanno portato le persone a non venire in centro"

“Serrande abbassate a Rovigo più che altrove”

La notizia della chiusura del negozio storico di dolciumi “Dolcezze”, in piazza Vittorio Emanuele II, è un dispiacere per i commercianti di Rovigo, che vivono sulla propria pelle la difficoltà di mantenere in attivo il commercio in città. Ma Rita Pizzo, presidente di Centro Città, vuole vedere positivo: “Intanto quando chiude un negozio per noi è sempre un dispiacere. Ma bisogna anche considerare che ci sono negozi che aprono e gente che si butta e rischia. Parlo del nuovo negozio di via Angeli, e della parrucchiera che ha aperto in via X luglio”.

Stefano Pattaro, presidente di Ascom Confcommercio, fa un’analisi profonda, che parte dalle ultime politiche urbanistiche della città: “Si è pensato a un centro pedonalizzato, quando tutti girano in macchina. I politici negli ultimi 20 anni hanno portato le persone a non venire in centro. Bisogna decidere se aprire il corso alle auto 24ore su 24 o evitare il traffico e svuotare la città. Che poi se il corso rimane chiuso, si intasano le vie laterali, e la soluzione è peggiore a mio parere”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl