Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per il Parco del Delta sono in arrivo due settimane decisive, con la legge di riforma che è approdata alla Camera. Come vedete il futuro del nostro Parco?
  • Un Parco unico insieme con l'Emilia Romagna
    10,3%
  • Un Parco regionale autonomo e vicino al territorio e alle sue esigenze
    36,2%
  • Un Parco nazionale, perché così arrivano i finanziamenti dello Stato
    13,8%
  • Non vedo un futuro per il Parco del Delta, entità che il territorio non ha mai gradito
    29,3%
  • Qualsiasi cosa, a patto che si riesca finalmente a fare turismo nel nostro Delta
    10,3%
LE PIÚ LETTE


Adria

Coimpo, enti e ambientalisti fuori dal processo per omicidio colposo

Enti territoriali e associazioni estromessi come parte civile dal processo per omicidio colposo relativo all'incidente del settembre 2014. Questa la decisione presa stamattina dal giudice.

mercoledì 11 gennaio 2017 16:31

Clamorosa decisione del giudice Valentina Verduci, chiamata a rispondere di un'eccezione preliminare importante nel processo per il disastro alla Coimpo del 22 settembre 2014, in cui morirono quattro dipendenti dell'azienda che stavano lavorando a una vasca in cui si sprigionò un mix tossico e letale.

Il giudice stamattina, 11 gennaio, ha escluso la costituzione degli enti territoriali, il comune di Adria, la Provincia, la Regione e le associazioni Legambiente, WWF e Italia Nostra nel reato di omicidio colposo. Rimangono parte civile solo per i reati ambientali.

Soddisfatti della decisione gli avvocati Luigi Migliorini e Marco Petternella, che difendono i vertici di Coimpo: "In questo modo si ristabilisce un ordine e si alleggerisce un processo già di per sè complicato", hanno dichiarato.

Soddisfatta anche l'avvocato Emanuela Beltrame, che rappresenta gli eredi Valesella, l'operaio che manovrava il muletto in quella tragica mattinata. "Speriamo che si definisca anche un risarcimento con le assicurazioni, che finora hanno fatto orecchie da mercante".

Nell'incidente avevano perso la vita: Marco Berti, 47 anni, di Rovigo, Giuseppe Baldan, 48 anni, di Campolongo Maggiore (Venezia), Nicolò Bellato, ragioniere di 28 anni, di Adria, Paolo Valesella, operaio, 53 anni, di Adria. Il servizio completo in edicola nella Voce di domani, giovedì 12 gennaio

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito