Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
In ottobre si voterà per il referendum sull'autonomia del Veneto. Cosa ne pensate?
  • Giusto partecipare per fare sentire la propria voce-
    46,3%
  • Bene, anche se purtroppo alla fine cambierà poco...
    7,8%
  • L'autonomia non basta, serve l'indipendenza dall'Italia
    5,5%
  • Quei soldi si potevano spendere meglio
    5,1%
  • Ma quale autonomia...
    35,3%
LE PIÚ LETTE


Badia-Lendinara

Avevano rapinato una coppia di anziani, 3 stranieri in manette

Ieri mattina i carabinieri di Este, coordinati dalla Procura di Rovigo hanno arrestato i tre marocchini responsabili della rapina di inizio febbraio a Masi. I rapinatori erano scappati con oltre 200mila euro.

martedì 18 luglio 2017 07:58

Sono finiti in manette i tre rapinatori che il 9 febbraio hanno imbavagliato due anziani di Masi, rubando contanti e gioielli dalla loro abitazione. I responsabili, smascherati e arrestati dai carabinieri di Este, coordinati dalla Procura di Rovigo, sono tre marocchini di 24, 29 e 30 anni.

la sera del 9 febbraio avevano raggiunto l'abitazione di via Este, a Masi con l'intenzione di rubare i fucili da caccia del proprietario di casa, ma l'anziano, nonostante le minacce dei rapinatori, non aveva rivelato il posto in cui li teneva nascosti.

A quel punto i malviventi avevano ripiegato su contanti e gioielli, allontanandosi dall'abitazione con un bottino di oltre 200mila euro e lasciandosi alle spalle i due anziani imbavagliati e impauriti, ma abbastanza lucidi da memorizzare l'aspetto dei propri aggressori.

Le indagini dei carabinieri erano partite proprio dalla descrizione di uno dei banditi fornita dalla coppia, un identikit che combaciava con il profilo di un 30enne marocchino, che nel frattempo era stato rinchiuso nel carcere di Mantova. Durante la perquisizione i militari avevano trovato i vestiti usati il giorno della rapina e una delle catenine d'oro rubate all'anziana di Masi.

Sulla base di questi elementi i carabinieri erano riusciti poi a risalire all'identità dei complici che ieri sono stati arrestati e rinchiusi nelle carceri di Rovigo, Mantova e Vicenza, in attesa del processo.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito