Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Alle elezioni del prossimo 4 marzo saranno pochissimi i polesani candidati, e meno ancora quelli con una reale possibilità di essere eletti. Cosa ne pensate?
  • E' il segno che come territorio contiamo davvero poco
    20,8%
  • E' il frutto delle liti infinite fra i nostri politici
    40,3%
  • Francamente non vedo dove stia il problema
    6,6%
  • Meglio pochi ma selezionati che tanti che cercano solo la poltrona
    7,1%
  • Non mi interessa, per me non cambia nulla
    25,2%
LE PIÚ LETTE


Delta

Piante infestanti, scatta l'allarme

Piante infestanti, scatta l'allarme nel Delta. Individuate specie erboree pregiate che rappresentano una minaccia per la biodiversità.

lunedì 12 febbraio 2018 21:04

Piante infestanti, scatta l'allarme nel Delta. Individuate specie erboree pregiate che rappresentano una minaccia per la biodiversità.

In ambito naturalistico compito delle associazioni è non solo quello di vigilare, ma anche quello di raccogliere informazioni utili alla gestione del territorio e all'aumento delle conoscenze e della consapevolezza nei cittadini. Nel nostro territorio, lo fornisce Sagittaria con sistematici monitoraggi di fauna e flora. Per la flora, l'interesse dell'Associazione Culturale Naturalistica (www.sagittariarovigo.org) è rivolto sia verso le stazioni di pregio, sia verso la competizione di piante alloctone infestanti, vera minaccia per la biodiversità.

In località Scaranello si segnala con favore, ad esempio, l'espansione dell'Agropyron elogantum, rarissima pianta erbacea del Delta, come, nella parte finale del Po di Gnocca, la nuova stazione di Euphorbia palustris, con splendida fioritura gialla, e Leucojum aestivum, la campanella bianca oramai quasi scomparsa; invece, si lancia l'allarme per l'invasività dell'Amorpha fruticosa, arbusto alloctono americano che sta minacciando un'importante stazione di Scabiosa argentea in centro abitato a Porto Levante.

Con la rilevazione dell'Erianto-schoeneto presso la Duna di Fenilone (Rosolina) si constata la riapparizione di un habitat molto interessante, in forte regressione in ambito generale. Allarme, al contrario, per la Baccharis halimifolia che nella Valle Cannelle di Rosolina sta ormai sostituendosi a tutta la precedente vegetazione; trattasi di una pianta invasiva americana, in grado di scovolgere gli equilibri degli habitat costieri.

Il servizio completo sulla Voce in edicola il 13 febbraio

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni. Testata aderente all'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria www.iap.it

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito