Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Il presidente della Rugby Rovigo, Francesco Zambelli, ha annunciato l'intenzione di lasciare a fine campionato. Cosa ne pensate?
  • Speriamo ci ripensi
    39,1%
  • Senza di lui si tornerebbe ai tempi tristi in cui non si vicneva mai
    8,2%
  • Mi sembra che dietro ci siano discussioni politiche: il comune deve merdiare
    7%
  • Tutti i meriti a Zambelli per i risultati ottenuti, ma non può chiedere troppo
    9,5%
  • Francamente non credo sia il problema più urgente di Rovigo
    36,2%
LE PIÚ LETTE


Delta

Sequestrata nel cuore del Delta discarica abusiva piena di amianto

La scoperta, nel delta emiliano (fra Mesola e Goro, sul confine con il Polesine). Trovata una grande quantità di lastre di cemento amianto e fusti di olio esausto.

mercoledì 10 gennaio 2018 22:39

foto grazie a estense.com
foto grazie a estense.com

L'hanno chiamata "Black Hole", come il "buco nero" dentro al quale finivano rifiuti di ogni genere, comprese pericolose lastre in amianto.

Il "buco nero" lo ha scoperto la polizia provinciale di Ferrara in un'ampia area tra Mesola e Goro, in pieno parco del Delta.

Dentro a quello scavo - come riporta estense.com - era finito di tutto, a partire dai rifiuti provenienti dalle attività di demolizione e costruzione.

Nel corso dell'operazione sono stati denunciati i proprietari dei terreni (uno dei quali 87enne), entrambi residenti nel Delta emiliano.

Gli agenti della polizia provinciale sono arrivati alla scoperta della discarica abusiva nel corso di un controllo notturno contro la caccia di frodo, quando hanno notato un enorme cumulo di sabbia accanto a uno scavo di circa 30 metri per 6 metri e profondo 4 metri e mezzo.

Con il tasca il mandato del pm Ombretta Volta, sono dunque ritornati sul posto e hanno sequestrato gli appezzamenti di terreno utilizzati come discrica, come detto tra i territori di Mesola e Goro.

All'interno degli scavi sono stati ritrovati rifiuti ceramici, colonne in cemento armato, materiale in plastica ma anche lastre di cemento amianto e teli catramati.

Nell'area circostante è stata inoltre accertata la presenza di altri rifiuti, comprese anche in questo caso lastre in fibrocemento, ma anche fusti in lamiera contenenti olio esausto.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito