Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Ci sono comuni che, grazie agli autovelox, ripianano i propri bilanci. Ma è giusto?
  • Sì, se uno non rispetta i limiti deve pagare
    26,4%
  • Se i velox vengopn usati come deterrenti contro gli eccessi di velocità, perché no?
    5,4%
  • Se sono in bella mostra e segnalati non c'è niente di illegale
    6,2%
  • E' solo una truffa ai danni dei poveri automobilisti, come se non pagassimo già abbastanza tasse
    48,8%
  • E' un'autentica follia. Se i comuni non hanno i soldi non li vadano a cercare nelle tasche dei cittadini e degli automobilisti
    12,4%
LE PIÚ LETTE


Delta

Wwf Rovigo nel Delta del Po: "Fermate il bracconaggio"

Sopralluogo degli attivisti di Wwf Rovigo nel Delta del Po: tre segnalazioni di utilizzo di richiami elettroacustici fuorilegge. Il presidente Benà: "Fermate il fenomeno del bracconaggio".

lunedì 7 novembre 2016 00:30

Sabato 5 novembre gli attivisti di Wwf Rovigo hanno effettuato un sopralluogo nel Delta del Po alla ricerca di eventuali fenomeni di bracconaggio. Tre sono state le segnalazioni che i volontari dell'associazione, presieduta da Massimo Benà, hanno girato all'ufficio caccia della provincia di Rovigo, oltre che ai rappresentanti politici delle istituzioni.

Tutte riguardavano l'utilizzo di richiami elettroacustici vietati per legge, dalle 6.30 alle 8.30, nelle lagune Vallona a Porto Viro, Boccasette e Barbamarco a Porto Tolle. In un caso Benà ha fatto notare come il numero verde dedicato alle segnalazioni non abbia risposto, mentre in un'altra occasione c'è stato l'intervento. In tutti e tre i casi c'era un'auto con a bordo una persona vestita da cacciatore "in atteggiamento di controllo".

In 12 anni Benà ha ricordato che le segnalazioni sono state 77 su altrettanti sopralluoghi in giorni, luoghi e orari diversi. "La caccia da appostamento fisso nelle lagune del Delta del Po è caratterizzata da una situazione di illegalità diffusa - il suo commento - il che non significa che tutti i cacciatori che frequentano le lagune siano dei bracconieri. Si richiama però l'amministrazione provinciale ad adoperare tutte le energie possibili per porre un freno ai fenomeni di bracconaggio".

Il servizio completo in edicola nella Voce di lunedì 7 novembre

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito