Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

LE PIÚ LETTE

Di stanza ci è rimasto solo il degrado

lunedì 27 novembre 2017 07:00
Loading

E' strano dirlo, guardandosi attorno, nell'immensa campagna dove Polesine, Lombardia e provincia di Verona si incontrano. Ma da qui, per una stagione lunga oltre trent'anni, sono passati i destini del mondo.

Ma la guerra fredda è ormai finita da più di un quarto di secolo, e la base di Zelo e il suo arsenale difensivo sono diventati superflui. La base chiuse nei primi anni 90; nel 1998 il 79esimo Gruppo intercettori teleguidati venne ridimensionato, e l'anno seguente dismesso. Chiudendo, anche in quest'angolo di Polesine, un'epoca.

Ora di quella vecchia base restano soltanto le macerie, come testimoniano le foto scattate, nel gennaio dello scorso anno, da Devis Vezzaro all'interno di quelle che erano le caserme.

L'impatto è spettrale: molte cose sembrano rimaste come allora: sui tavoli, ci sono ancora persino grossi faldoni con documenti che riportano la carta intestata del ministero della Difesa. Ma la guerra è finita. E da Zelo oggi non passa più nessuna frontiera.

Il servizio completo sulla Voce in edicola lunedì 27 novembre.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito