Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
In ottobre si voterà per il referendum sull'autonomia del Veneto. Cosa ne pensate?
  • Giusto partecipare per fare sentire la propria voce-
    48%
  • Bene, anche se purtroppo alla fine cambierà poco...
    5,2%
  • L'autonomia non basta, serve l'indipendenza dall'Italia
    3,7%
  • Quei soldi si potevano spendere meglio
    7,6%
  • Ma quale autonomia...
    35,5%
LE PIÚ LETTE


Medio-Alto-Polesine

Dopo il morso, i cani sono ancora per strada

Un 62enne di Ceregnano era stata aggredita da due pastori maremmani due settimane fa e lunedì se li è trovati di fronte un'altra volta. I residenti hanno paura a passare per la via del paese.

giovedì 12 ottobre 2017 07:00

Un pastore maremmano, la razza a cui appartengono i due cani che tengono sotto scacco un'intera via di Ceregnano
Un pastore maremmano, la razza a cui appartengono i due cani che tengono sotto scacco un'intera via di Ceregnano

A due settimane dall'attacco che le era costato una brutta ferita a una gamba, si è trovata di nuovo faccia a faccia con i suoi aggressori. Due pastori maremmani, che scorrazzano liberi in una stradina interna tra Ceregnano e Villadose.

Martedì pomeriggio, infatti, la 62enne aggredita il 22 settembre scorso ha avvistato i due animali vicino al pollaio di casa sua, a 500 metri dal luogo in cui era stata morsa da uno dei due cani. E nel momento in cui ha scorto le sagome a quattro zampe, le è sembrato di rivivere gli attimi di terrore di quel venerdì mattina, quando stava pedalando lungo la strada, diretta alla farmacia di Villadose.

All'improvviso era stata accerchiata dai due cani. Nonostante avesse cercato di farsi scudo con la bici, una delle due bestie le aveva assestato un morso su una gamba, dopo averla graffiata con gli artigli delle zampe. Soltanto sentendo le urla della donna, dal cortile dell'abitazione dove vivono i due cani era arrivato un richiamo che li aveva fatti rientrare. La signora, impaurita e sotto shock era stata raggiunta dal marito, che l'aveva subito portata al pronto soccorso, dove i medici le avevano ricucito le ferita, di cui aveva risposto l'assicurazione del proprietario.

Anche lunedì pomeriggio la prontezza del marito è stata fondamentale. L'uomo, infatti, ha raggiunto il pollaio e alzando la voce e agitando le braccia, è riuscito ad allontanare i due animali. Scongiurata la strage di galline, la coppia è rientrata in casa, anche se non riesce a dormire sonni tranquilli sapendo che quei due animali si aggirano per la via in cui abitano.

"La gente che passa di qui ha paura - racconta il marito della signora - chi percorre la via a piedi o in bicicletta, se vede i cani cerca di cambiare strada. Ma non sempre è possibile. A volte, infatti, escono dal cortile all'improvviso, senza lasciare il tempo di reagire".

Il servizio completo in edicola sulla Voce di giovedì 12 ottobre

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito