Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

LE PIÚ LETTE


Medio-Alto-Polesine

Ficarolo, scuola materna e nido chiuse per il freddo

Temperature polari nelle aule, a causa di un guasto alla caldaia. A scoprirlo sono state le educatrici. Il sindaco ha rimandato a casa i 58 bambini e ha provveduto a riparare il guasto.

martedì 10 gennaio 2017 18:14

Mentre in mezza provincia le strade creavano problemi per il ghiaccio, a Ficarolo il sindaco ha emanato un'ordinanza per far chiudere le scuole.

Una brutta sorpresa per le maestre e per le educatrici della scuola materna e dell'asilo nido "Peter Pan" di via Piave, che all'apertura della giornata scolastica si sono trovate la temperatura delle aule, non molto diversa da quella presente all'esterno. Complice forse anche il freddo di questi giorni, un raccordo del tubo che porta l'acqua alla caldaia ha ceduto, impedendo di fatto alla caldaia stessa di funzionare.

Poco male, in pochi minuti il danno sarebbe stato riparato, non fosse che nel frattempo la perdita aveva bagnato il pavimento di alcuni dei locali della struttura e non funzionando la centrale termica, le due scuole erano fredde da parecchie ore. Un guasto abbastanza banale che ha però costretto il primo cittadino Fabiano Pigaiani ad emettere un'ordinanza per la chiusura immediata delle due scuole.

"Anche se il danno era di piccola entità e riparabile in poco tempo, non potevo lasciare entrare dei bambini così piccoli con le aule completamente fredde - spiega lo stesso sindaco - Nel pomeriggio di oggi (ieri per chi legge n.d.r.) il guasto è comunque già stato riparato e domattina (oggi per chi legge n.d.r.) le lezioni potranno riprendere regolarmente".

L'inconveniente ha costretto il sindaco a disporre la chiusura dei locali e a far tornare nelle proprie case i 58 bambini che, probabilmente non tristi per l'accaduto, avranno passato un ulteriore giorno di festa lontani dai penne e quaderni.

"Dopo aver disposto l'ordinanza ho personalmente chiamato il tecnico che, giunto sul posto mi ha assicurato come nel giro di poco tempo, l'impianto di riscaldamento sarebbe stato ripristinato - conclude Pigaiani - Per questo la sospensione delle lezioni è stata programmata solo per una giornata". Questa mattina infatti, i 50 bambini della scuola materna e gli 8 dell'asilo nido, dovrebbero aver fatto ritorno nelle loro aule, tornate finalmente ad una temperatura idonea.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito