Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per il Parco del Delta sono in arrivo due settimane decisive, con la legge di riforma che è approdata alla Camera. Come vedete il futuro del nostro Parco?
  • Un Parco unico insieme con l'Emilia Romagna
    10,3%
  • Un Parco regionale autonomo e vicino al territorio e alle sue esigenze
    36,2%
  • Un Parco nazionale, perché così arrivano i finanziamenti dello Stato
    13,8%
  • Non vedo un futuro per il Parco del Delta, entità che il territorio non ha mai gradito
    29,3%
  • Qualsiasi cosa, a patto che si riesca finalmente a fare turismo nel nostro Delta
    10,3%
LE PIÚ LETTE

Il Prefetto: "Requisendo l'Hotel abbiamo impedito le speculazioni"

mercoledì 16 novembre 2016 06:06

"Con la requisizione abbiamo impedito speculazioni. Proprio quello che chiede chi critica la gestione dell'immigrazione, anche qua in Polesine". Il prefetto di Rovigo, Enrico Caterino, spiega così il trasferimento dei 15 migranti da Cavanella Po all'hotel Lory di Ficarolo.

"C'era la necessità di alleggerire la struttura di Cavanella Po. Ora i migranti a Borgo Fiorito sono 105, ma l'obiettivo è di scendere a 70, per questo stiamo verificando altre strutture".

Le prossime destinazioni saranno stabilite dopo la riunione dei sindaci polesani prevista giovedì 17 novembre. In quell'occasione gli amministratori dei Comuni dovranno dare o meno la disponibilità a collaborare con la prefettura per l'accoglienza. "In caso contrario - puntualizza Caterino - sarà la prefettura a decidere".

Anzi il prefetto dice che proprio la presenza dei migranti può aiutare una ripresa economica dell'albergo "come in altre strutture. L'attività gestita dalle cooperative crea un indotto economico di cui può beneficiare il territorio". Per le cooperative quello dell'accoglienza è infatti anche un business, a loro restano infatti circa 137 euro al mese ogni sei profughi, detratte tutte le spese sostenute (dai 35 euro al giorno per migrante) per vitto, alloggio, mediazione culturale e personale. Fatti due conti si tratta di circa 274 euro l'anno per richiedente asilo. Un utile netto su 700 profughi di 191mila euro all'anno. I migranti alloggiati a Ficarolo sono seguiti dalla cooperativa Edeco, la stessa che si occupa di quelli a borgo Fiorito e a Loreo. In Polesine, attualmente, i richiedenti asilo accolti nelle varie strutture sono 688, numero che però è in costante aggiornamento.

Ampi approfondimenti sulla Voce di Rovigo di mercoledì 16 novembre.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito