Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per l'accoglienza dei profughi, solo in Polesine è prevista una spesa minima di 9 milioni di euro all'anno. Ma ci sono anche polesani che ci guadagnano. Ad esempio chi si fa avanti per affittare le strutture alle coop e alla prefettura. Cosa ne pensate?
  • Fanno bene, per molti è un affare
    11,1%
  • Mi piacerebbe che avessero il coraggio di spiegarlo loro a chi vive vivono alle strutture che affittano
    15,8%
  • Sono speculatori. E pure della peggiore specie
    61,1%
  • Poi magari sono fra quelli che dicono "no ai profughi"...
    7,4%
  • Se non lo facessero loro lo farebbe qualcun altro
    4,7%
LE PIÚ LETTE


Medio-Alto-Polesine

Prete ricattato con le foto hard, il racconto a porte chiuse

Il sacerdote di un paese del Medio Polesine, ricattato da due marocchini per le foto che lo ritraevano mentre compiva atti sessuali con uno di loro, ha chiesto di deporre a porte chiuse al processo.

venerdì 19 maggio 2017 09:00

Prima gli incontri hard, a sfondo omosessuale, poi la rapina e l'estorsione nei confronti del prete che avevano "sedotto".

Ora si trovano a processo davanti al tribunale di Rovigo due marocchini oggi 36enni - S. M. ed E. H. F. le loro iniziali - che nel 2012, quando di anni ne avevano 31, ricattarono un sacerdote di una parrocchia del Medio Polesine, dopo che almeno uno di loro aveva avuto rapporti sessuali con lui.

Immagini del sacerdote nudo e in atteggiamenti hard sono alla base dell'estorsione, ma tra le accuse c'è anche la rapina di una collanina, sottratta dopo un rapporto sessuale.

Se non avesse dato i soldi, lo avrebbero disonorato pubblicando tutto online.

Oggi 18 maggio, il sacerdote ha testimoniato davanti al collegio formato da Silvia Varotto, Barbara Vicario e Valentina Verduci. Ma ha chiesto che i dettagli sulla vicenda, che mal si sposa con il rigore della vita sacerdotale, rimanessero confinati all'aula, senza orecchie indiscrete.

Il presidente Varotto ha concesso che la sua audizione fosse svolta a porte chiuse e ha fatto uscire tutto un gruppo di studenti di giurisprudenza, che erano venuti a seguire il processo dal vivo e la stampa. Sono stati sentiti anche i carabinieri che hanno condotto le indagini, scaturite dalla denuncia del prete stesso.

Il processo è vicino a una sentenza. La prossima udienza è fissata per il 15 giugno.

Il servizio completo in edicola sulla Voce di venerdì 19 maggio

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito