Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
In ottobre si voterà per il referendum sull'autonomia del Veneto. Cosa ne pensate?
  • Giusto partecipare per fare sentire la propria voce-
    48,9%
  • Bene, anche se purtroppo alla fine cambierà poco...
    5%
  • L'autonomia non basta, serve l'indipendenza dall'Italia
    3,8%
  • Quei soldi si potevano spendere meglio
    7,3%
  • Ma quale autonomia...
    35,1%
LE PIÚ LETTE


Medio-Alto-Polesine

Accordo economico: l'Hotel Lory non è più requisito, e i profughi restano lì

Il prefetto ha revocato l'ordine di requisizione, ma dopo l'accordo fra il proprietario e la coop che li gestisce i richiedenti asilo rimangono nella struttura. Salvo il posto dei tre dipendenti

lunedì 21 novembre 2016 22:47

Prima notizia: la requisizione dell'Hotel Lory di Ficarolo è stata revocata dal prefetto Enrico Caterino.
Seconda notizia: i 15 profughi inviati dalla prefettura a Ficarolo, restano all'Hotel Lory (senza che sia requisito(): segno che il proprietario Luigi Fogli ha trovato un accordo economico soddisfacente con la coop che gestisce l'accoglienza.
Dopo le catene, le minacce di barricate e le trasmissioni televisive in diretta dal cortile dell'Hotel, tutto è destinato dunque a tornare nella normalità. O quasi. I 15 profughi resteranno infatti, come detto, lì dove erano arrivati 15 anni fa.
Il prefetto, dal canto suo, ha garantito al sindaco che non ne arriveranno altri, e il primo cittadino si è messo all'opera per trovare, eventualmente e in futuro, anche una soluzione alternativa.
In tutto questo bailamme, gli unici probabilmente a tirare davvero un sospiro di sollievo sono i tre dipendenti dell'Hotel, che vebuta meno la requisizione non dovrebbero più rischiare il posto di lavoro.
Servizio sulla Voce in edicola martedì 22 novembre

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito