Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per l'accoglienza dei profughi, solo in Polesine è prevista una spesa minima di 9 milioni di euro all'anno. Ma ci sono anche polesani che ci guadagnano. Ad esempio chi si fa avanti per affittare le strutture alle coop e alla prefettura. Cosa ne pensate?
  • Fanno bene, per molti è un affare
    11,1%
  • Mi piacerebbe che avessero il coraggio di spiegarlo loro a chi vive vivono alle strutture che affittano
    15,9%
  • Sono speculatori. E pure della peggiore specie
    60,8%
  • Poi magari sono fra quelli che dicono "no ai profughi"...
    7,4%
  • Se non lo facessero loro lo farebbe qualcun altro
    4,8%
LE PIÚ LETTE


Occhiobello

Boato in A13: momenti di paura in paese

Boato in A13: momenti di paura a Occhiobello. L'intero paese ha sentito il forte rumore di un'esplosione. Ma era scoppiato lo pneumatico di un camion.

venerdì 14 luglio 2017 14:28

Momenti di paura ieri ad Occhiobello. Infatti, un forte boato ha spaventato l'intero paese, tanto che in molti pensavano ad un'esplosione.

Subito dopo l'ora di pranzo, precisamente erano da poco trascorse da poco le 13.30, un intenso boato è stato sentito su tutto il territorio del comune rivierasco.

Nessuno sul momento aveva capito esattamente di cosa si trattasse, ma in molti hanno pensato all'esplosione di qualcosa, magari nella zona industriale e artigianale che si trova poco distante dal ponte sul Po dell'autostrada.

"Mi ero appena messo sul divano per riposarmi prima di riprendere il lavoro - racconta Gianmarco, che abita poco distante dal casello autostradale - quando all'improvviso un forte scoppio mi ha fatto scattare in piedi. Sono corso alla finestra per vedere se lì attorno si vedeva fumo o qualcosa che mi permettesse di individuare dove era avvenuta l'esplosione, ma non si vedeva niente - continua l'occhiobellese - Poco più tardi hanno iniziato a sentirsi le sirene ma non si capiva bene da dove provenissero e dove stavano dirigendosi, anche se si sentivano molto vicine".

Molta la paura e l'apprensione dei residenti, soprattutto quando, pochi minuti più tardi, hanno iniziato appunto a risuonare per l'intero paese le sirene delle ambulanze. In molti hanno pensato ad un'esplosione e la poca distanza con le industrie chimiche della vicina Ferrara ha impensierito e non poco la popolazione medio polesana.

Immediati i commenti e i post su Facebook alla ricerca di sapere se qualcuno era a conoscenza di cosa fosse realmente accaduto. Solo dopo un'ora circa da quello che in molti non hanno esitato a definire "boato", è arrivata la notizia che a generare quel botto sarebbe stato lo scoppio di uno pneumatico di un camion che si trovava a transitare sull'autostrada A13, proprio all'altezza del comune di Occhiobello. Sul posto la polizia autostradale di Altedo.

Ancora da definire le cause dello scoppio, ma fortunatamente non si registra nessun danno importante e soprattutto nessun ferito: solamente la perdita del carico da parte del camion, molto probabilmente terriccio, che ha richiesto l'intervento dei mezzi e degli uomini necessari alla pulizia del manto stradale.

Il servizio sulla Voce del 14 luglio

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito