Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

LE PIÚ LETTE


Rovigo

Ater, controlli, incassi e sgomberi

Sanate decine di anomalie e incassati, per ora, più di 40mila euro. E fra 8 mesi pronti nuovi alloggi.

giovedì 12 ottobre 2017 09:35

Quasi 4mila verifiche sugli alloggi Ater in provincia di Rovigo. Emerse anomalie, in gran parte sanate, ma che hanno anche portato alla decadenza di poco meno di una decina di contratti per gli alloggi popolari. Cosa che significa provvedimenti di sgombero.

Dopo l'ordinanza del Comune di Rovigo che annuncia uno sgombero in via Pascoli il commissario polesano all'Ater, Guglielmo Ferrarese fa il punto sulle verifiche scattate alcuni mesi fa per monitorare la sussistenza dei parametri per gli assegnatari degli alloggi popolari, verifiche che fino ad ora hanno permesso all'ente di incassare oltre 45mila euro derivanti dagli aggiornamenti dei contratti.

"Per la precisione - dice Ferrarese - negli ultimo mesi abbiamo verificato le condizioni di 3.583 utenti di case Ater. In Polesine ne gestiamo circa 4mila. Una serie di controlli che avevamo annunciato diversi mesi fa per eliminare anomali e irregolarità. Al primo esame sono emerse quasi 900 anomalie. Si tratta di condizioni contrattuali che erano modificate senza che però venissero comunicate. Si tratta di cambiamenti per quel che riguarda il reddito degli assegnatari, e quindi la difformità fra quanto dichiarato e quanto pagato". Difformità che si concretizzavano con minori introiti per le casse Ater.

"Queste 883 anomalie - continua Ferrarese - si sono poi ridotte grazie alla presentazione di documentazione da parte degli inquilini e forme di autocertificazione. E così ne erano rimaste 384. Quindi un'ulteriore scrematura e 83 nuovi casi 'sanati'" Restano quindi 301 posizioni da correggere e rivedere. "Molte di queste stanno seguendo i tempi previste per le risposte. Ed anche per questi casi, se sarà necessario si rivedranno le condizioni del contratto. In linea di massima si cerca di evitare contenziosi, ma quando gli assegnatari continuano a non rispettare i parametri e a non seguire i solleciti che vengono diramati scatta la decadenza dal contratto, con l'obbligo di lasciar libero l'alloggio in questione". Fino ad ora sono poco meno di una decina le decadenze e gli sgomberi decisi. ma nei prossimi giorni ne potrebbero arrivare altri.

L'Ater inoltre sta portando avanti la manutenzione del proprio patrimonio di case ed entro 8, 9 mesi 303 alloggi potrebbero essere rimessi a nuovo e quindi andare in affitto. Pochi anni fa gli alloggi bisognosi di manutenzione e sfitti erano circa 500, ora a disposizione, in attesa del fine lavori, ce ne sono 60.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito