Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per l'accoglienza dei profughi, solo in Polesine è prevista una spesa minima di 9 milioni di euro all'anno. Ma ci sono anche polesani che ci guadagnano. Ad esempio chi si fa avanti per affittare le strutture alle coop e alla prefettura. Cosa ne pensate?
  • Fanno bene, per molti è un affare
    12,4%
  • Mi piacerebbe che avessero il coraggio di spiegarlo loro a chi vive vivono alle strutture che affittano
    13,8%
  • Sono speculatori. E pure della peggiore specie
    63,1%
  • Poi magari sono fra quelli che dicono "no ai profughi"...
    6,5%
  • Se non lo facessero loro lo farebbe qualcun altro
    4,1%
LE PIÚ LETTE


Rovigo

Il "Lago Smeraldo" chiude a sorpresa e scompaiono le caparre

Almeno 13 sarebbero le cerimonie saltate a sorpresa con la chiusura del "Lago Smeraldo" di Solesino, meta di molti polesani in vena di cerimonie. Dietro una "fuga imprenditoriale".

venerdì 19 maggio 2017 13:12

Il ristorante pizzeria Lago Smeraldo di Solesino, scenografia di molte cerimonie i cui protagonisti sono polesani, come lauree, battesimi e matrimoni, da qualche settimana, non è più aperto al pubblico.

I gestori hanno chiuso i battenti da marzo, senza preavviso. Tanto che più di qualche cliente che aveva prenotato in questo incantevole locale a otto chilometri circa da Rovigo, la cerimonia del giorno "memorabile", si ricorderà solo della caparra versata inutilmente.

Pare siano tredici - secondo quanto riporta il Mattino di Padova - le cerimonie disdette senza giustificazione, mentre sono tanti i fornitori del lussuoso locale di via Nazionale che gridano alla beffa.

Il locale è di proprietà di un imprenditore di Solesino, ma gestito da una famiglia di ristoratori. A metà marzo, senza alcun preavviso, il ristorante ha chiuso i battenti.

I contorni della vicenda sono ancora poco chiari, ma la cosa certa è che il titolare dell'immobile ha intentato una causa civile e ha chiesto uno sfratto per morosità. Una causa che è destinata a inasprirsi per le divergenze di vedute tra le due parti.

Rimane l'amarezza di chi si sarebbe accorto della "fuga imprenditoriale" solo a qualche giorno dal battesimo del figlio - lo racconta peraltro lo stesso protagonista in una recensione su Internet - e chi ha versato importanti caparre, anche di migliaia di euro, per il giorno del matrimonio.

Un esposto anonimo inviato a carabinieri, guardia di finanza e Procura della Repubblica segnala che sarebbero addirittura tredici i pranzi di matrimonio mandati in fumo, insieme agli acconti.

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito