Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per il Parco del Delta sono in arrivo due settimane decisive, con la legge di riforma che è approdata alla Camera. Come vedete il futuro del nostro Parco?
  • Un Parco unico insieme con l'Emilia Romagna
    10,3%
  • Un Parco regionale autonomo e vicino al territorio e alle sue esigenze
    36,2%
  • Un Parco nazionale, perché così arrivano i finanziamenti dello Stato
    13,8%
  • Non vedo un futuro per il Parco del Delta, entità che il territorio non ha mai gradito
    29,3%
  • Qualsiasi cosa, a patto che si riesca finalmente a fare turismo nel nostro Delta
    10,3%
LE PIÚ LETTE


Rovigo

La piena è in arrivo, ecco perché questa volta il Po fa paura

Secondo gli esperti il colmo di piena dovrebbe arrivare in Polesine fra la notte di sabato (26 novembre) e la mattina di domenica (27 novembre). Preoccupano le condizioni dell'alveo e il forte vento previsto da lunedì.

venerdì 25 novembre 2016 23:39

Il Po, questa volta, preoccupa davvero.
A guardare il grande fiume, in questi giorni, l'arrivo di una piena sembra impossibile: il livello dell'acqua sta crescendo, ma a occhio nudo quasi non si nota.
In realtà, la piena che sta scendendo a valle dal Piemonte è già arrivata a Piacenza, dove il livello idrometrico ha fatto scattare il livello d'allarme, e fra la serata di oggi (sabato 26 novembre) e la mattinata di domani (domenica 27 novembre) dovrebbe arrivare in Polesine.
La preoccupazione maggiore - a sentire gli esperti - è dovuta in questo caso a tre fattori concomitanti: il grande numero di detriti che il fiume sta trascinando nella sua corsa; la scarsa pulizia di alcuni tratti dell'alveo (in particolare in basso Polesine, dove si sono create vere e proprie isole di sabbia) e il vento che da lunedì mattina dovrebbe cambiare direzione.
Le previsioni meteo parlano di un forte vento di bora, che potrebbe rendere difficile il fluire delle acque, in particolare in alcuni dei rami del Delta.
A Ficarolo, intanto, sono iniziati i turni di guardia lungo gli argini.
Di certo, anche in questo caso così come due anni fa, è previsto che le golene vengano allagate.
Servizi sulla Voce in edicola sabato 27 novembre

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito