Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
In ottobre si voterà per il referendum sull'autonomia del Veneto. Cosa ne pensate?
  • Giusto partecipare per fare sentire la propria voce-
    46,3%
  • Bene, anche se purtroppo alla fine cambierà poco...
    7,8%
  • L'autonomia non basta, serve l'indipendenza dall'Italia
    5,5%
  • Quei soldi si potevano spendere meglio
    5,1%
  • Ma quale autonomia...
    35,3%
LE PIÚ LETTE


Rovigo

Saranno vietate tutte le segnalazioni della presenza di velox

Il decreto è allo studio del governo e pare sia imminente "per motivi di sicurezza". In polesine, dove ce ne sono 130 (con la più grande densità d'Italia) sarebbe una... strage di multe.

sabato 8 luglio 2017 07:00

Un autovelox
Un autovelox

Si prospettano tempi durissimi per gli automobilisti.

Il governo infatti, è al lavoro su un decreto legge (quindi i tempi saranno stretti) che punta a rendere illegali le segnalazioni preventive di autovelox e tutor.

Se la normativa entrerà in vigore, tutti i cartelli che ora avvisano per tempo gli automobilisti della presenza dei famigerati occhi elettronici spariranno dalle strade. E così, il rischio di cadere nell'agguato di qualche pattuglia salirà esponenzialmente. Così come il rischio di "cadere" sotto le telecamere più o meno nascoste sulle strade che si conoscono meno di altre.

E in Polesine questo rischio è quotidiano, visto che con i suoi 130 autovelox, questa terra è una di quelle con la maggior densità in tutt'Italia di strumenti per la rilevazione della velocità.

Senza contare che venendo meno l'obbligo di segnalazione, anche i quasi "innocui" velobox potrebbero diventare a tutti gli effetti funzionanti.

La decisione è stata motivata da questioni di sicurezza: le segnalazioni sono considerate pericolose in quanto gli automobilisti tenderebbero a frenare bruscamente quando le scorgono rischiando di causare tamponamenti e incidenti. Inoltre, spiega il procuratore generale di Roma, Giovanni Salvi, il fatto di segnalare con anticipo un controllo di polizia rende di fatto inutile il pattugliamento.

Sarà... La cosa non piace ai sindaci polesani, che pure di velox ne hanno in carico parecchi. "Sono contrario - spiega Antonio Laruccia, primo cittadino di Trecenta - non riesco a capire il perché di questa decisione. Io addirittura metto sul sito del comune le date in cui i velox sono attivi, con l'orario preciso. Lo scopo di questi strumenti è quello di far rallentare gli automobilisti, non quello di fare cassa".

Cinque postazioni di velobox ci sono anche a Pontecchio Polesine: "Sono contrario all'idea di togliere le segnalazioni - dichiara il sindaco Simone Ghirotto - io terrei le cose come sono ora: i velobox servono per far diminuire la velocità agli automobilisti più che per fare cassa".

E cosa dire del nuovo velox sull'Adriatica che a giorni entrerà in funzione a Bosaro? Lì c'è il limite dei 50 all'ora, ed è praticamente "invisibile".

Senza cartelli poi...

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito