Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
LA TUA OPINIONE
Per il Parco del Delta sono in arrivo due settimane decisive, con la legge di riforma che è approdata alla Camera. Come vedete il futuro del nostro Parco?
  • Un Parco unico insieme con l'Emilia Romagna
    10,3%
  • Un Parco regionale autonomo e vicino al territorio e alle sue esigenze
    36,2%
  • Un Parco nazionale, perché così arrivano i finanziamenti dello Stato
    13,8%
  • Non vedo un futuro per il Parco del Delta, entità che il territorio non ha mai gradito
    29,3%
  • Qualsiasi cosa, a patto che si riesca finalmente a fare turismo nel nostro Delta
    10,3%
LE PIÚ LETTE

Un centinaio di profughi trasferiti da Conetta in Emilia Romagna

mercoledì 4 gennaio 2017 09:00

Liberati all'una e mezza della notte tra lunedì 2 e martedì 3 gennaio i 26 operatori della cooperativa tenuti dai richiedenti asilo all'interno del Centro di prima accoglienza allestito nella ex base militare di Conetta, frazione di Cona.

I profughi avevano dato fuoco a diversi tavoli per bloccare l'accesso della ex base militare, dopo che, nella mattinata di lunedì, era morta una 25enne della Costa d'Avorio per cause che, all'inizio, sembravano poco chiare e i soccorsi troppo lenti. Ma alla fine la giovane è morta per cause naturali - l'autopsia parla di una trombosi - e i soccorsi sono stati tempestivi, come confermato dall'Ulss Euganea.

Intanto su disposizione del ministro dell'Interno Marco Minniti un centinaio di richiedenti asilo del Cpa di Conetta sono stati spostati in strutture dell'Emilia Romagna. E il futuro, secondo il ministro, sarà di un Centro identificazione ed espulsione da cento posti in ogni regione.

"Conetta non è più Italia, qua è Africa" raccontano i residenti della piccola frazione, mentre il sindaco Panfilio attacca: "Questo è un totale fallimento, è un 'magazzino' di vite umane, abbandonato". Il governatore del Veneto, Zaia, e il segretario della Lega Nord, Salvini, in coro chiedono "espulsioni di massa e chiusura del centro di Conetta".

Il servizio completo in edicola nella Voce di mercoledì 4 gennaio

Powered by:
Editoriale la Voce Soc. Coop. | Direttore responsabile: Pier Francesco Bellini | Piazza Garibaldi, 17 - 45100 Rovigo | Telefono 0425 200 282 - Fax 0425 422584
Copyright 2015 © | Tutti i diritti riservati. | Impresa beneficiaria, per questa testata, dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche e integrazioni.

Testata registrata "La Voce Nuova" Registrazione del Tribunale di Rovigo n. 11/2000 del 09/08/2000 | C.F. e P.Iva 01463600294

Per la tua pubblicità su questo sito