you reporter

Credito cooperativo

Bancadria, "sì" stentato alla fusione con i Colli Euganei

In consiglio di amministrazione di Bancadria il progetto di fusione con la BCC dei Colli Euganei passa con due voti contrari, un astenuto e un'assenza "pesante".

Bancadria sì stentato alla fusione con i Colli Euganei

Il quartier generale di Bancadria

Il progetto di fusione tra Bancadria e Banca dei Colli Euganei è stato approvato in entrambi i consigli di amministrazione e ora ha preso la strada di Roma, dove la Banca d’Italia dovrà dare l’autorizzazione per l’operazione.


Ma non è stata una passeggiata per la compagine presieduta da Giovanni Vianello che, nel corso del consiglio d’amministrazione decisivo per l’approvazione del progetto, si è visto votare contro da ben due consiglieri di amministrazione, senza contare l’astensione di un terzo e l’assenza di uno degli amministratori storici dal consiglio.


Ora, visto che l’approvazione del progetto è arrivata da entrambi i consigli di amministrazione delle bcc interessate, sarà la Banca d’Italia a dover dare l’autorizzazione alla fusione, propedeutica all’assemblea straordinaria dei soci che verrebbe quindi convocata da entrambi gli istituti di credito cooperativo per l’approvazione. Infine, l’atto formale della fusione. Una procedura ancora piuttosto lunga, quindi, anche se incanalata nei binari giusti. E questo nonostante i sindacati, recentemente, avessero raccolto l’opinione dei dipendenti di Bancadria, la maggior parte dei quali propensa a una fusione, sì, ma con RovigoBanca. Stesso responso, peraltro, da parte dei colleghi della bcc di Rovigo. Ma questo non è bastato, dopo la rottura delle trattative della scorsa estate tra i vertici di Bancadria e RovigoBanca, quando le due bcc polesane sembravano già con le fedi ai rispettivi anulari.


Da quanto è emerso, infine, la fusione vedrebbe l’attuale direttore della Bcc dei Colli Euganei - Tiziano Manfrin - dirigere il nascituro istituto - anche per il prossimo pensionamento del direttore di Bancadria Antonio Biasioli - mentre a presiederlo sarà Giovanni Vianello. Anche se il tutto, ovviamente, dovrà passare per l’assemblea dei soci e per il nuovo consiglio di amministrazione, quando la nuova bcc sarà operativa.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl