you reporter

Il gioco della Voce

Valanga di tagliandi per i “sindaci” di Adria

Sono 37 i candidati votati, ben 2.718 coupon raccolti in meno di quattro settimane: successo incredibile.

Valanga di tagliandi per i “sindaci” di Adria

Solidea "The Queen" Paggioro che vota per il gioco

A dir poco incredibile la partecipazione e l’interesse dei lettori per l’iniziativa “Vota il tuo candidato sindaco” che si è chiuso venerdì sera facendo registrare complessivamente ben 2.718 tagliandi votati in meno di un mese. Addirittura 1.665 nell’ultima settimana. Una valanga di schede che venerdì sera ha mandato il tilt la nostra organizzazione addetta allo spoglio perché un tale numero di schede era del tutto inatteso. Così soltanto oggi siamo in grado di dare risultati completi con la tabella riportata qui a fianco. Sono 37 i nominativi che hanno ricevuto preferenze, di cui 14 sono entrati nell’ultima settimana. I primi quattro della classifica chiudono in terza cifra con numeri da capogiro, 15 in seconda cifra, gli altri 18 si devono accontentare dei resti.

La nomination dei lettori viene conquistata da Giorgia Furlanetto subito soprannominata la “leonessa” per la zampata finale con cui ha scavalcato sia Federico Simoni che Michele Capanna, quest’ultimo lanciatissimo alla prima proiezione, in frenata alla seconda, alla terza ha tentato la rimonta ma per 146 ha dovuto cedere all’avvocato. In caduta libera, nell’ultima settimana, è stato l’ex vicesindaco che ha raccolto soltanto 75 preferenze contro le 178 della settimana precedente: probabilmente anche i lettori hanno percepito che la sua candidatura è sempre più lontana. Chiude in terza cifra anche Marco Santarato con 233 e il leader delle frazioni si conferma una delle sorprese.

A un passo da quota 100 Spiffero, l’outsider che più di tutti ha animato la campagna elettorale con le sue vignette: chiude al quinto posto e per una decina scavalca Omar Barbierato un vero candidato del prossimo 10 giugno. Tra le novità dell’ultima tornata vanno registrati: l’exploit di Arianna Corroppoli che chiude a 69; lo squillo di tromba di Sandra Passadore che incassa 26 preferenze per poi chiudere a 28; l’arrivo di Giorgio Zanellato con 20; il leader nazionalista Massimo Visentini con 15; la comparsa dell’ex assessore Patrizia Osti con 10. La sorpresa più grande, tuttavia, è l’improvvisa apparizione dell’ex assessore all’urbanistica Andrea Portieri: i 16 voti sembrano un campanello d’allarme per la classe politica.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl