you reporter

Adria

Successo di “Adria in fiore” ma i conti vanno in rosso

La lotteria non basta, fuori di 800 euro circa.

Successo di “Adria in fiore” ma i conti vanno in rosso

Un grande successo per “Adria in fiore”, ma le casse della Pro loco piangono. Infatti, a fronte di costi pari a circa 7mila euro, le entrate non sono riuscite a coprire tutte le spese provocando una perdita di circa 800 euro.

Una situazione che sta spingendo l’associazione di piazza Groto ad annullare “Di fiore in… zucca”, manifestazione ispirata ai colori, sapori e profumi dell’autunno. La vendita dei biglietti della lotteria non è stata sufficiente a coprire tutte le spese: sono stati venduti 3.526 biglietti al costo di un euro ciascuno su 4.500 stampati, dal ricavato vanno dedotte le spese per i premi mentre le ritenute applicate sono state mantenute a carico della Pro loco per scelta. Nel frattempo tutti i premi sono stati ritirati, da quattro donne.

“Le nuove disposizioni sulla sicurezza - spiega la presidente Letizia Guerra - hanno avuto un ruolo determinante e le entrate della lotteria non sono state sufficienti a colmare la differenza. La perdita economica di “Adria in fiore” e le gravose incombenze a carico dei volontari inducono la Pro loco a cancellare “Di fiore in… zucca” in programma in autunno”. A questo punto Guerra aggiunge una riflessione: “Visto il notevole afflusso di persone, molte giunte da fuori regione, arrivate anche in pullman e in camper, è obbligo porsi delle domande sulla gestione della manifestazione che ha assunto aspetti rilevanti ai quali la Pro loco non riesce più a sopperire con le sole proprie forze. Queste valutazioni saranno lasciate al nuovo direttivo dell’associazione che dovrebbe insediarsi all’inizio del 2019 per la composizione del quale si attendono in questi mesi persone di buona volontà che vengano a conoscere da vicino e a capire come funziona questa associazione presente ad Adria da oltre cinquant’anni”.

Dopo le note dolenti, “Adria in fiore” riserva una dolce coda finale. “Quest’anno l’iniziativa è stata molto sentita - ricorda la presidente - anche da molti commercianti che, oltre a tenere aperto il loro negozio, hanno addobbato le vetrine in tema per l’occasione. Per questo, la Pro loco ha deciso di consegnare un attestato di riconoscimento, consistente in una targa, a tre esercenti che si sono distinti per originalità”. La graduatoria stilata dal sodalizio di piazza Bocchi vede al primo posto la Boutique Divina di Fiorella Caldin per una delicata e fantasiosa vetrina fiorita. A seguire l’abbigliamento Glamour di Daniela Lugarini che ha realizzato un colorato e profumato angolo floreale e Liberty Cafè di Gabriele Albiero che ha proposto una bicicletta fiorita. Tuttavia Guerra conclude con un messaggio di speranza: “A distanza di due settimane dall’evento, continuano a giungere apprezzamenti per la riuscita della manifestazione e per l’organizzazione, anche dagli espositori e da chi ha curato l’animazione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl