you reporter

Adria

Scappa con la figlia e accusa il padre di abusi. A processo

Una donna è stata rinviata a giudizio con pesanti accuse

Scappa con la figlia e accusa il padre di abusi. A processo

Una storia complessa, che vede una donna rinviata a giudizio dal Tribunale di Rovigo con pesanti accuse: calunnia nei confronti del padre della figlia, ostacolo alle visite del papà stabilite dal giudice, e l’espatrio della bambina in Polonia senza autorizzazione del giudice, visto che la minorenne, anche se viveva con la madre, era affidata ai servizi sociali. Sottoposta già a un processo in Polonia dopo la denuncia del padre che voleva riportare la figlia in Italia, la donna ora dovrà affrontare anche i giudici del Tribunale di Rovigo dopo il rinvio a giudizio.

Per l’accusa i fatti si sarebbero verificati tutti tra il 2014 e il 2017: dopo aver falsamente accusato l’ex compagno di aver abusato della figlia, durante la separazione non avrebbe rispettato quanto stabilito in relazione alle visite, decidendo poi, di volare in Polonia in maniera del tutto autonoma.

Immediatamente il padre della bambina sporse denuncia per sottrazione internazionale di minore, tanto che il legale del papà si è rivolse all’Autorità centrale convenzionale del Ministero della Giustizia a Roma, presentando un’istanza di ritorno in Italia del minore ai sensi della Convenzione dell’Aja del 1980, ratificata anche dalla Polonia.  Il giudice polacco, dopo aver sentito anche la bambina, ordinò il suo ritorno in Italia.

 

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl