you reporter

Ballottaggio

Omar-Lamberto, le prime scintille

Prime schermaglie tra i due candidati sindaco che si sfideranno al prossimo ballottaggio del 24 giugno

Omar-Lamberto, le prime scintille

L'ironica vignetta di Spiffero

Si alza la temperatura in vista del ballottaggio di domenica 24 giugno: la posta in gioco è altissima perché in palio c’è la poltrona di sindaco della città etrusca. Ad aprire il contenzioso è Omar Barbierato per accusare la “coalizione Cavallari che pubblicamente e attraverso passaparola dice che la nostra squadra ha accordi con partiti di sinistra. La migliore risposta sta nei verbali delle amministrative del 10 giugno scorso, ma anche in quelle di due anni fa: ho ricevuto molti consensi dal voto disgiunto di Forza Italia, Lega, Bobosindaco, PD e M5S.

Se non bastasse - sottolinea l’esponente civico - dal 2015, quando eravamo comitato Impegno per il bene comune, poi in consiglio comunale, abbiamo sempre rivolto le nostre proposte a tutte le forze politiche: a livello regionale abbiamo mandato le nostre proposte o emendamenti ai tre rappresentanti del nostro territorio Corazzari (Lega), Bartelle (M5S), Azzalin (PD)”.

E attacca: “Altri hanno fatto coalizioni dove la connotazione ideologica può rappresentare un problema: nel programma Cavallari non è trattata la questione richiedenti asilo, un caso? Le bugie raccontate in queste settimane hanno le gambe corte e rivelano la pochezza di chi continua a raccontarle.

I nostri alleati sono sempre stati i cittadini. Come amministratori lavoreremo per il bene comune ascoltando tutte le proposte, senza barriere ideologiche. I cittadini – ribadisce Barbierato - si riconoscono nelle nostre proposte, che nascono dalla volontà di risolvere i problemi dei cittadini e i problemi dei cittadini non sono di destra o di sinistra. Servono pragmatismo e rispetto della Costituzione, trasparenza e legalità”.

Non sembra scomporsi più di tanto Lamberto Cavallari di fronte alle critiche dell’avversario. “Sono affermazioni prive di fondamento – dichiara – perché mai ho fatto le dichiarazioni che mi vengono attribuite da Barbierato e dal suo cerchio magico. Questo evidenzia un crescente nervosismo da parte della coalizione civica nonostante il successo raccolto domenica scorsa. Ma come ho avuto modo di dire a caldo domenica notte, adesso si parte da zero a zero e probabilmente a Barbierato cominciano a tremare le gambe”.

E spiega: “Certe dichiarazioni sono state fatte dall'ex vicesindaco di Rovigo, esponente di Forza Italia, quindi Omar se la prenda con lui se ha qualcosa da ridire, perché noi non siamo alleati con Forza Italia”. Sia pure con tono pacato, va all'attacco con una frecciata alquanto velenosa: “E’ un dato di fatto che tra le sue liste c’è qualche esponente di LeU che mi risulta un partito dichiaratamente di sinistra, così molti altri esponenti della sinistra più radicale frequentano il suo quartiere generale: se adesso si vergogna della loro compagnia è un problema suo, ma non cerchi alibi. Trovo stucchevoli le sue accuse nei miei confronti: se proprio deve attaccarmi trovi qualcosa di meglio”.

Alquanto pungente la stoccata finale: “Non ho tempo da perdere in sterili polemiche, sono impegnato a incontrare i cittadini singoli e associazioni, con loro ci confrontiamo sui problemi concreti e come arrivare a una soluzione senza vaghe promesse: non mi chiedono con chi sono alleato, ma come intendo affrontare le questioni”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl