you reporter

Adria

Musica, racconti e amici in onore di Piergiorgio Braghin

Questa sera nel piazzale davanti alla chiesa

Musica, racconti e amici in onore di Piergiorgio Braghin

“Insieme per ricordare Piergiorgio”: poche e semplici parole pienamente in linea con il suo carattere e il suo stile: domani sera tutta la comunità adriese si dà appuntamento davanti alla chiesa di Carbonara per un omaggio a Piergiorgio Braghin, scomparso il 29 maggio scorso, all'età di 63 anni. Unanime e sincero il cordoglio per una persona che tanto si è speso per il bene comune, soprattutto per le persone in difficoltà, quelle che soffrono in silenzio colpite dalla crisi economica, così pure quelle in cerca di umanità senza confini.

Appuntamento, dunque, domani sera alle 21 nel piazzale antistante la chiesa Cristo Divin Lavoratore con un concerto e le testimonianze di Luca Gianesella presidente provinciale Acli, don Piero Mandruzzato per la Caritas diocesana ed Elisabetta Giovannini per i comitati ambientalisti. Inoltre saranno presentati gli ultimi progetti ai quali Piergiorgio si era dedicato: sportello informativo per le persone in difficoltà economica dove trovare un punto di riferimento e un emporio della solidarietà, che va oltre alla borsa della spesa, per un aiuto più strutturato e autonomo.

Molto toccanti le parole di un amico fraterno, quasi un alter ego, con il quale ha condiviso speranze, delusioni e fatiche e per questo chiede di restare nell'ombra, fedele all'insegnamento di Piergiorgio caratterizzato da massima discrezione.

“Oltre all'impegno sociale in parrocchia, noto a tutti, a noi piace ricordarlo per la sua immensa umanità nel rendersi pienamente e sempre disponibile nell'aiutare le persone in difficoltà. Lui – sottolinea - non sopportava le ingiustizie e tutto ciò che toglieva dignità alle persone. Per lui non esisteva un ‘non posso’, a tutti quelli che lo cercavano, regalava sempre un sorriso, una parola e una speranza. Come ha saputo fare anche con la malattia che improvvisamente lo ha colpito, affrontandola, giorno dopo giorno, con ottimismo e serenità.

Quello che più ci colpiva era, che nonostante la grande sofferenza, lui avesse sempre il pensiero per tutte quelle persone che la rete di solidarietà della parrocchia stava aiutando. Una persona coerente e retta in tutti i principi civili e cristiani in cui credeva; una persona che non ha lasciato un vuoto, ma tante strade aperte, per coloro che stanno seguendo il suo insegnamento e il suo esempio”.

Ed ecco allora alcune delle canzoni più belle: dalla Premiata Forneria Marconi alle Orme, quindi Beatles, Lucio Battisti, Loredana Berté, John Lennon, Franco Battiato, Lucio Dalla, Creedence, Dik Dik, Elton John, Deep Purple, Rolling Stones e Nomadi, interpretate dall’Officina della bonifica con Piergiorgio Ferlini voce, Leopoldo Beltrame chitarra solista, Maurizio Trevisan chitarra ritmica, Luciano Casellato batteria, Davide Bisco tastiere e Mauro Ferlini al basso al suo esordio nel gruppo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl