you reporter

Volontariato

L’incanto dei fiori in cornice diffonde il profumo del donare

Anche quest’anno, si è rinnovata la collaborazione tra Gloria Nives Frigato e la Fidas.

L’incanto dei fiori in cornice diffonde il profumo del donare

I colori dei fiori che diventano opere d’arte. Questo è l’incanto dei fiori pressati messi in cornice dalle mani esperte di Goria Nives Frigato.  Accanto a lei i donatori della Fidas affinché le meraviglie floreali diffondano anche il profumo soave della solidarietà per sollecitare nuovi volontari a unirsi alla squadra dei donatori del sangue. Anche quest’anno, dunque, si è rinnovata la collaborazione tra Gloria Nives Frigato e la Fidas in occasione della mostra in sala Cordella nell’ambito di “Adria in fiore” promossa dalla Pro loco.

Larga partecipazione di cittadini e molte autorità alla cerimonia di inaugurazione: dal sindaco Omar Barbierato al presidente del consiglio comunale Franco Bisco, quindi Letizia Guerra presidente Pro loco, l’artista e i rappresentanti della Fidas Luca Callegari e Gianfranco Marangon. Frigato ha descritto le proprie opere, realizzate con pazienza e cura, grazie anche all’aiuto di tante amiche che raccolgono per lei fiori ed erbe spontanee da rendere poi immortali nei quadri.  Da parte sua Callegari ha sottolineato la bellezza autentica di questo connubio. “Gloria è una nostra donatrice da anni - ha ricordato il numero uno della Fidas - oltre che capogruppo del gruppo di Baricetta; da sempre ci coinvolge, e ben volentieri ci facciamo coinvolgere, in questa iniziativa perché diventi opportunità di parlare dell’importanza del dono. Abbiamo dunque rinnovato con entusiasmo la collaborazione con Gloria e con la Pro loco per continuare la nostra attività di sensibilizzazione e promozione del messaggio della donazione del sangue”.

E sulla mostra: “L’esposizione è stata veramente bella e originale, molto apprezzata - ha sottolineato Callegari - anche se si ripete da diversi anni, considerato che i quadri non sono sempre gli stessi, tuttavia ogni quadro è incantevole, è una suggestione sempre nuova, inoltre è stata molto valida l’idea di riscoprire vecchie cornici di qualche decennio fa”.  Molte le persone che hanno visitato la mostra, molti anche coloro che si sono avvicinati alla Fidas ricevendo materiale e gadget, più di qualcuno ha espresso il desiderio di diventare donatore.

Così farà un piccolo gesto di grande altruismo per il prossimo, ma anche un regalo a se stesso, dedicandosi qualche attenzione in più e sottoponendosi regolarmente a esami e controlli accurati. Ricorda il presidente della Fidas: “Diventare donatore è anche un’occasione per imparare ad aver maggior rispetto e cura di se stessi adottando un’alimentazione sana e corretta, stili e comportamenti di vita che non sconfinano in quegli eccessi che senza accorgersi danneggiano in maniera irreversibile l’organismo. Pertanto, donare è una scelta di salute e benessere per chi dona, di salvezza per chi riceve: una gioia per entrambi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl